Milan-Chievo 4-0: Standing ovation per Ibrahimovic

Home»Sport»Calcio»Milan-Chievo 4-0: Standing ovation per Ibrahimovic

ROMA, 27 Novembre – Il posticipo delle 20:45 della tredicesima giornata andrà in scena al Meazza di Milano. Ad affrontarsi ci sono il Milan di Allegri contro il Chievo Verona di Di Carlo.

I rossoneri schierano in porta Amelia. Difesa a quattro composta da Abate, Thiago Silva, Yepes e Antonini. Centrocampo a tre composto da Van Bommel, Aquilani e Nocerino. Trequartista il Boateng. Coppia d’attacco formata da Ibra e Pato.

In porta nel Chievo Verona il para rigori Sorrentino. Linea difensiva composta da Frey, Mandelli, Cesar e Jokic. Centrocampo a tre formato da Luciano, Rigoni e Bradley. Ad agire dietro le punte Pellissier e Thereau, c’è Sammarco.
LA GARA MILAN-CHIEVO 0-0

A cura di Antonello Di Muccio e Massimiliano Riverso

Sergio Pellissier, attaccante del Chievo, ai microfoni di Sky Sport punta sul pressing per limitare il Milan a San Siro: “Giochiamo contro una squadra che ha dimostrato di essere veramente in forma. Vogliamo continuare a fare bene e un punticino sarebbe ottimo per noi questa sera. Dobbiamo cercare di pressarli il più possibile, senza lasciarli giocare perché sennò ti fanno girare come le trottole e prendi una barcata di gol”.

Mauro Tassotti, vice allenatore del Milan, ai microfoni di Sky Sport si concentra sul campo snobbando il mercato nel pre partita della sfida contro il Chievo: “Tevez o Maxi Lopez? Pensiamo alla partita e non al mercato adesso. Il Chievo è una squadra in salute e che può metterci in difficoltà. La squadra sta mantenendo un buono stato di forma nonostante non siano arrivati i risultati contro Fiorentina e Barcellona. Dobbiamo stare attenti a non avere un calo mentale dopo aver sprecato tante energie mercoledì”.

Le squadre sono in campo. Minuto di raccoglimento per le vittime di Saponara nel messinese.

1′ Traversa di Ibra su assist di Pato.
4′ Ancora Milan. Aquilani lanciato da Ibra ci prova in scivolata ma Sorrentino gli chiude lo specchio della porta.
8′ Boateng dal vertice destro dell’area di rigore avversaria passa la palla a Thiago Silva che non ci pensa due volte e tira. Palla che si infila a destra di Sorrentino. Milan 1 Chievo 0
17′ Ibra dai 25 metri da fermo fa partire un tiro che si insacca sotto la traversa. Splendido il goal dello svedese. Milan 2 Chievo 0
25′ Milan che si limita a mantenere il pallone. I veronesi cercano con il contropiede di sorprendere i rossoneri.
30′ Ibrahimovic mette in mezzo una palla invitante per Pato. Alla disperata Cesar che riesce in qualche modo a deviare in angolo rischiando anche l’autorete.
33′ Tiro di Aquilani dal limite, palla deviata che arriva sui piedi di Pato. Palla facile facile per non sbagliare da centro area. Milan 3 Chievo 0
40′ Chievo praticamente ammazzato. Ci vorrebbe un goal per gli uomini di Di Carlo prima della fine del primo tempo.
42′ Ci prova Bradley con una mezza rovesciata dal limite, palla di poco fuori.
44′ Ibra realizza la doppietta personale. Seconda rete su rigore. Goleada rossonera. Milan 4 Chievo 0. 101 goal in Serie A per lo svedese.
45’+3′ L’arbitro manda le due squadre negli spogliatoi. Partita già chiusa.

Inizia il secondo tempo alla “Scala del calcio”. Di Carlo schiera l’albanese Hetemaj per l’evanescente Luciano.
47′ Antonini verticalizza per Ibrahimovic: sinistro della svedese e palla fuori di pochissimo.
49′ Garbage time: tranquillo possesso palla Milan nel settore mediano del campo.
50′ Disimpegno da brividi della retroguardia del Chievo sul pressing asfissiante di Boateng.
52′ Gomitata di van Bommel su Thereau, l’olandese graziato dall’arbitro.
54′ Pellissier cerca la percussione per vie centrali: ottimo l’anticipo, leggermente irregolare, di Thiago Silva.
56′ Pato serve per vie centrali Aquilani: destro indirizzato verso il secondo palo, respinge Bradley.
58′ Destro di Bradley dai 25 metri: sontuosa copertura di un immenso Ibrahimovic.
Inizia la girandola delle sostituzioni.
Nel Milan dentro Emanuelson, esce Kevin Prince Boateng. Cambio anche nel Chievo: dentro Vacek per Rigoni.
Continua la pressione del Milan, anche se il ritmo dei rossoneri non è asfissiante come il primo tempo.
62′ Dialogo Ibra-Pato, chiusura di Acerbi che appoggia in acrobazia su Sorrentino.
65′ Possesso Milan, si gioca per vie orizzontali.
67′ Ovazione per Ibrahimovic che lascia il posto a Robinho.
68′ Punizione Chievo dai 25 metri: il tiro di Pellissier viene bloccato centralmente da Amelia.
73′ Punizione battuta da Aquilani che cerca al limite dell’area Antonini: destro dai 13 metri, palla tra le braccia del portiere rossonero.
75′ Frey dall’out destro crossa in area Thereau: stacco imperioso di Yepes che sventa la minaccia.
78′ Nel Milan dentro El Shaarawy, esce Pato. Allegri dà finalmente spazio al promettente ‘Faraone’…
Probabilmente saranno le ultime occasioni a disposizione del giovane attaccante italo-egiziano per mettersi in evidenza. Voci di mercato provenienti da Milano confermano il trasferimento in Italia di Carlos Tevez, sostituto ideale di Cassano, e primo obiettivo di Braida.
82′ Acerbi lancia in profondità Pellissier: anticipo in surplace di Thiago Silva.
86′ Primo spunto di El Shaarawy. Percussione lungo il settore di sinistra e cross teso in area: l’azione viene bloccata dall’arbitro per un fallo commesso da Aquilani.
87′ La prima conclusione degna di nota per il Chievo Verona arriva a tre minuti dalla fine. Hetemaj scalda il destro dai 22 metri: palla velenosa domata in due tempi Amelia.
89′ Hetemaj sfonda a sinistra e sfida ‘face to face’ Nocerino: duello vinto dall’ex rosanero.
Due minuti di recupero decretati dall’arbitro Guida.

Triplice fischio finale. Un Milan stratosferico asfalta la formazione di mister Di Carlo. Quattro reti siglate nel primo tempo e un patto di non belligeranza stipulato nella seconda frazione di gioco con i frastornati giocatori clivensi.
Devastante la prova di Ibrahimovic, autore di una doppietta. Il ‘Papero’ Pato torna al gol dopo il lungo infortunio muscolare di ottobre. Aquilani metronomo perfetto e Thiago Silva baluardo della difesa.
La formazione di Allegri fa paura: sarà difficilissimo per la Juventus di Conte chiudere il girone d’andata in testa al campionato.

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.