Macaulay Culkin, protagonista di "Mamma ho perso l'aereo" è in fin di vita

Home»Spettacolo»Macaulay Culkin, protagonista di “Mamma ho perso l’aereo” è in fin di vita

NEW YORK, 2 AGOSTOIl pubblico lo conobbe grazie al film “Mamma ho perso l’aereo” che gli decretò la fama di bambino prodigio e che gli consentì di prender parte anche nel seguito “Mamma ho riperso l’aereo, mi sono smarrito a New York”, oggi invece se lo si incontrasse per strada nemmeno lo si riconoscerebbe. Il motivo? Secondo alcuni tabloid americani Macaulay Culkin sarebbe in fin di vita a causa delle sue gravissime condizioni di salute.

L’attore 31enne, a quanto pare, farebbe un notevole abuso di droga e di antidolorifici tanto da essere andato vicinissimo all’overdose in più di u’’occasione. La situazione sarebbe precipitata negli ultimi 18 mesi, dopo la fine della relazione con la storica fidanzata Mila Kunis (la quale attualmente farebbe coppia fissa con Ashton Kutcher, a sua volta ex di Demi Moore, con cui è appena volata a Bali per una romantica vacanza). Secondo il “National Enquirer” infatti, Culkin spenderebbe 6mila dollari al mese per drogarsi da solo o in compagnia di altri amici tossicodipendenti nel suo appartamento newyorkese, trasformato in un vero e proprio “covo della droga”.

Quando a febbraio di quest’anno apparve pallido ed emaciato in una foto di “Entertainment Tonight”, molti insinuarono che il protagonista di “Mamma ho perso l’aereo” potesse avere qualche problema di droga. All’epoca, il suo portavoce Michelle Bega smentì le voci, spiegando che l’attore era “in perfetta salute” malgrado pesasse 50 kg scarsi. A tutt’oggi invece il sito radaronline rilancia la tragica notizia e pubblica in esclusiva una foto in cui Macaulay Culkin compare smagrito e sciupato. Un amico intimo dell’attore ha confessato di essere preoccupatissimo per la sua sorte: “Macaulay si sta uccidendo. Le persone che gli stanno più vicine temono che il suo cuore possa cedere o che possa andare in overdose. Se non comincerà immediatamente un percorso di disintossicazione potrebbe morire nel giro di sei mesi”.

Carla Iannacone

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.