Siglata la pace tra Vasco Rossi e Ligabue

Home»Spettacolo»Siglata la pace tra Vasco Rossi e Ligabue

ROMA, 17 Gennaio – È un bel po’ ormai che due dei più noti cantanti italiani si rincorrono a suon di commenti al vetriolo, su giornali o come è ormai consuetudine oggi, su Facebook. Parliamo di Vasco Rossi e Ligabue, da sempre molto amati dal pubblico giovane e che hanno fatto spesso parlare di loro per via di una presunta reciproca inimicizia, o invidia come molti direbbero.

Spunta però a sorpresa una lettera di Liga su Fb in merito a un  commento di Vasco in cui afferma: “Da circa vent’anni, in buona parte delle interviste, mi sento sempre fare tre domande: 1) “cosa ne pensi di Vasco?”; 2) “cosa ne pensi della rivalità fra te e lui?”; 3) “farete mai un duetto insieme? Va detto che a volte chi mi faceva quelle domande sembrava dirmi: porta pazienza, me lo chiede il caporedattore a cui lo chiede il direttore ecc. Insomma sappiamo cos’è che fa vendere i giornali. Comunque il risultato è sempre stato questo assurdo disco rotto che se n’è sempre fregato delle mie risposte. Altrimenti, forse (ma molto forse…) quelle domande non me le avrebbero ripetute così ossessivamente. Risposte che ogni volta sono state: -1 rispetto Vasco, la sua storia e il rapporto che ha con il suo pubblico -2 io faccio le gare con me stesso (e sono toste, sappiatelo) come credo faccia anche lui. Siamo imparagonabili perché molto diversi (come ogni altro è diverso da ogni altro). Infine ridurre la musica a una gara vuol dire semplicemente svilirla. Quindi è una rivalità di cui hanno bisogno certi giornali e alcune frange estremiste di fan – 3 siete voi, con queste solite domande ad allontanare sempre di più qualsiasi possibilità di duetto fra noi. Ogni volta mi sento un disco rotto anch’io ma siccome è quello che penso e le domande non cambiano… Per otto anni, prima di vivere di musica, ho fatto mestieri di ogni tipo. Esperienza sufficiente per poter oggettivamente dire che c’è di peggio, eehhh c’è di molto peggio.” Si tratta solamente di un estratto della lettera che è possibile visionare nella pagina Facebook di Liga.

Il fulcro di tutto il discorso è però la musica, che da sempre è l’elemento che ne fa le spese fra i vari battibecchi. L’artista in effetti denuncia l’interessamento da parte dei media più alle vicende private dei due cantanti piuttosto che al proprio lavoro. “Ogni volta che verranno raccontati i nostri successi sembrerà che sia qualcosa fatto “alla faccia dell’ altro”. Su grandi temi come senso della vita, droga, modo di intendere il rock… dire la propria (per ognuno dei due così legittimamente diversa) verrà fatto passare come un attacco all’ altro”.

“Continueremo con il nostro percorso, io il mio e lui il suo. Cercando di garantire il massimo che possiamo io a voi e lui ai suoi. Consapevoli del nostro reciproco rispetto ma decisi a difendere a denti stretti ognuno la propria storia personale. Mentre procederemo così continueranno a farci le solite domande. Adesso che ci penso questo pezzo può diventare utile: stampo quelle risposte e a chi mi fa quelle domande gliele consegno a mano ogni volta. Me ne starò zitto, come in passato, quando le cose prenderanno una piega particolarmente assurda o quando i miei maroni saranno sul punto di scoppiare. Me ne starò zitto per non fare il gioco di quel tipo d’informazione”, ha tenuto infine a precisare Ligabue. Sembra dunque che alla fine i due abbiano deciso di riappacificarsi e di appendere al chiodo i “ferri corti”. Sarà anche colpa dei giornali che a volte riportano notizie o affermazioni non del tutto corrette, ma quando si deve correre ai ripari, la scusa dei giornalisti è sempre la più ricercata. Questa volta durerà il buon proposito dei due, o dovremo aspettare che un altro giornalista interpreti male qualche altra affermazione?

Sabrina Spagnoli

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.