Lady GaGa sogna un uomo superdotato e laureato Harward. Missione impossibile

Home»Spettacolo»Lady GaGa sogna un uomo superdotato e laureato Harward. Missione impossibile

NEW YORK, 30 NOVEMBRELa cantante Lady GaGa, da sempre sulla cresta dell’onda, racconta un suo limite: “sono un vero e proprio disastro nelle relazioni sentimentali“.

Ma non solo la cantante di origini italiane, ammette di essere destinata ad una vita da single. L’intervista, che racchiude le confessioni della pluripremiata artista, apparirà sul numero di gennaio di Vanity Fair Usa con una copertina e un servizio fotografico che ritraggono una GaGa come non l’abbiamo mai vista prima.

Non mi sono mai sentita veramente amata” comincia così il racconto di Miss Germanotta, che al di la di tutto non è pronta in nessun modo ad accontentarsi nell’ambito sentimentale. Per la GaGa il suo uomo ideale, oltre ad avere talento e carattere deve essere : “superdotato e molto colto, ancora meglio se con una laurea ad Harvard in tasca“. Un profilo non banale quello ricercato dalla cantante, che da troppo tempo non sa cosa significhi essere felice con un uomo. Alla rivista confessa: ” Le mie storie iniziano bene, poi qualcosa si incrina, forse per colpa del mio bisogno malsano di competizione e finiscono poi in modo orribile. Credo che gli uomini temano il mio cervello“. Al momento per la nuova indiscussa regina del Pop l’unico vero amore è quello per la musica e lo spettacolo, amore a cui la cantante non è disposta a rinunciarci. “Ne ho bisogno. E’ come respirare. E quando i riflettori si spengono non so mai cosa fare di me stessa” con queste parole GaGa descrive la sua vita su di un palco.

Intanto da pochi mesi la star è tornata single dopo una relazione con il batterista Luc Carl con cui aveva progetti importanti, come quello di un matrimonio. Per la cronaca rosa il suo ultimo flirt è stato l’attore Taylor Kinney, protagonista del telefilm “The Vampire Diaries“. L’unica cosa certa che nessuno dei due è stato uno studente della famosissima e acclamata università di Harvard.

Emanuele Ambrosio

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.