La prima auto gonfiabile al MotorShow 2011: la Blow Car

Home»Tecnologia»La prima auto gonfiabile al MotorShow 2011: la Blow Car

ROMA, 5 DICEMBRE – È stata presentata in anteprima mondiale al Motorshow 2011 di Bologna il prototipo della prima citycar gonfiabile: la BlowCar. L’auto nasce da un progetto dell’architetto e designer Dario Di Camillo ed  utilizza la tecnologia “inflatable system”, la stessa impiegata in campo aerospaziale, in cui si utilizzano delle strutture gonfiabili per la realizzazione degli air bag e degli scivoli d’emergenza di aerei e sonde spaziali.

Gli interni e le componenti meccaniche sono realizzate con i materiali “tradizionali”, invece, la carrozzeria è composta da pannelli di gomma-tessuto che consentono anche di personalizzare l’auto. Si tratta di un progetto interamente italiano, che ha lo scopo di garantire un livello superiore di sicurezza in caso di urto e dei consumi nettamente inferiori; basti pensare, infatti, che il peso dell’auto è di circa 350 Kg. È una vettura a scarso impatto ambientale: il materiale impiegato per la carrozzeria è del tutto riciclabile ed inoltre, la realizzazione di ogni esemplare richiede una quantità di energia decisamente inferiore rispetto a quella utilizzata per le auto ordinarie.

Le dimensioni si prestano bene ad un uso prettamente cittadino: 155 cm in larghezza, 145 in altezza e 301 in lunghezza. La BlowCar sarà disponibile in tre motorizzazioni: tradizionale, ibrida ed elettrica.  Si potrà optare, inoltre, tra un modello “leggero” (da 4.5 Kw), guidabile con il patentino e omologato per sole due persone, ed uno “pesante” (da 12 Kw) omologato per quattro.

Come sempre il tasto dolente: i prezzi. La Blow Car arriverà sul mercato tra 1 anno circa ad un prezzo che oscilla tra un minimo di 11.770 euro ed un massimo di 16.500 euro.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=vSNVkAnkA40[/youtube]

Tiziano Giuseppe Raucci

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.