Ludopatia: cure a carico della Sanità pubblica, stop agli spot pubblicitari

Home»Salute»Ludopatia: cure a carico della Sanità pubblica, stop agli spot pubblicitari

ROMA, 21 MarzoLa ludopatia  è una vera e propria dipendenza dal gioco d’azzardo. In Italia si stima che siano circa un milione i giocatori patologici, e la metà sono addirittura giovani e giovanissimi. Slot machine, gratta e vinci, lotterie, scommesse sportive: con 500 euro di spesa pro capite il nostro Paese detiene un primato mondiale. Un primato di cui davvero non si può andare fieri. Così il governo decide di correre ai ripari, ed è pronto a prendere provvedimenti. 

“Basta con gli spot che non mettono nessuna cautela sui pericoli del gioco d’azzardo e più poteri ai sindaci per arginare il proliferare di sale giochi e slot machine”. Sono alcune delle misure da mettere in campo per contrastare l’eccesso di gioco d’azzardo, secondo il ministro della Salute, Renato Balduzzi, che, ospite della trasmissione “Coffee break” su La 7, ha assicurato che sia il ministero dell’Economia, sia il suo insieme a quello dell’Interno, sono al lavoro su questo tema.

Inserire la ludopatia tra le malattie per le quali è previsto l’intervento della sanità pubblica, consentire ai sindaci di vietare l’apertura di sale da gioco in luoghi sensibili, controllare meglio la liquidità mobilitata. Queste alcune linee guida del disegno di legge presentato alla Camera dal Pd, illustrato  ieri mattina in una conferenza stampa a Montecitorio da Laura Garavini, capogruppo Pd in commissione Antimafia e il senatore Luigi De Sena. Presenti anche Filippo Torrigiani, assessore del Comune di Empoli in rappresentanza dell’associazione “Avviso Pubblico”, cui aderiscono 200 comuni, 5 regioni e 12 provincie e Raffaele Colombara consigliere del Comune di Vicenza. “L’urgenza di questo disegno di legge – spiega Walter Veltroni in una nota diffusa durante la conferenza stampa – è dettata da elementi preoccupanti come l’enorme massa di denaro mobilitata dalle scommesse, sottratta ai consumi ordinari o addirittura di prima necessità. Altro elemento preoccupante è lo svuotamento sostanziale degli oneri a vantaggio dello Stato: è provato, infatti, che le nuove forme di scommessa incoraggiate dagli operatori del settore, come ad esempio il gratta e vinci, sono sempre più a basso carico fiscale, forme di giocate dove i gestori pagano solo il 4%, a scapito dell’imposizione su giochi come il lotto dove il carico può arrivare fino al 50%. Il gioco d’azzardo, influisce negativamente sulla vita di sempre più persone, con conseguenze a volte individualmente disastrose, che questo disegno di legge si propone, finalmente, di prevenire e evitare”.

“La proposta di legge “organica” presentata dal Pd si propone di arginare un fenomeno divenuto oramai una vera e propria piaga sociale- ha spiegato Garavini – attraverso alcune misure come il divieto assoluto di pubblicità, l’obbligo di tessera sanitaria o codice fiscale per accesso alle slot a tutela dei minori, l’istituzione di un osservatorio nazionale per monitorare il fenomeno e meccanismi finalizzati alla tracciabilità del denaro derivante dalla vincite”. Il fatturato derivante dal gioco d’azzardo si è quintuplicato in cinque anni raggiungendo la quota di 80 miliardi di Euro giocati nel 2011 da 800 mila italiani considerati “dipendenti” da gioco.

Valentina Ferrari

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.