Influenza in arrivo in Italia: i consigli per evitarla

Home»Magazine»Influenza in arrivo in Italia: i consigli per evitarla

ROMA, 6 Febbraio – Come ogni anno, è in arrivo l’influenza. O meglio, il picco influenzale. E quest’anno coincide con la settimana più fredda degli ultimi 27 anni del nostro paese. Il freddo intenso di questi giorni ha fatto in modo che molte persone, soprattutto i bambini e le persone anziane, si ammalassero, nonostante l’arrivo del picco vero e proprio del ceppo influenzale è previsto fra qualche giorno.

I virus influenzali responsabili nel nostro paese quest’anno sono l’AH3N3, e, in misura ridotta, il virus pandemico H1N1 e il ceppo B. In attesa del picco, continuano ad aumentare i casi di persone a letto ammalate. Si parla già di mezzo milione di casi. I dati sono stati raccolti dal Centro di Sorveglianza dell’ Istituto Superiore di Sanità, che tra il 23 e il 29 gennaio hanno registrato una significativa impennata di casi di influenza. Gianni Rezza, direttore del Dipartimento di Malattie Infettive dell’Istituto Superiore di Sanità, spiega che siamo vicini al picco che di solito si manifesta nelle prime settimane di febbraio. I dati sono in linea con le attese, anche se l’arrivo del freddo polare ha favorito l’anticipo dell’influenza in molte regioni italiani. Le più colpite dal virus risultano le Marche, con 17,7 casi per 1000 assistiti, e il Molise, con 14 casi. Sardegna e Puglia ancora non sono state colpite, anche grazie a temperature più miti.

Per scongiurare il contagio, gli esperti consigliano di evitare luoghi chiusi e troppo affollati, lavare molto spesso le mani, soprattutto dopo aver toccato oggetti che potrebbero essere ricchi di batteri. Se si è fuori casa e non si dispone di acqua e sapone, sarebbe utile avere a disposizione un flaconcino di amuchina gel disinfettante; evitare di toccare con le mani le mucose, naso e bocca, senza averle prima lavate; lavare bene i cibi, bere molta acqua e mangiare frutta e verdure, assumendo anche cibi ricchi di vitamine. Se alla fine comunque ci si ammala, gli esperti consigliano riposo a letto, e l’assunzione di farmaci che alleviano i sintomi principali, come la febbre e i dolori articolari. In caso di tosse secca o raffreddore, è bene contattare il medico e farsi prescrivere dei farmaci diversi che combattono l’infezione alle vie respiratorie.

Sabrina Bachini

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.