Caffè decaffeinato mano santa per la memoria

Home»Magazine»Caffè decaffeinato mano santa per la memoria

ROMA, 1 Febbraio – Il caffè è una bevanda che a molti piace ma è risaputo che troppi caffè fanno male al cuore e alla pressione del sangue per l’effetto della troppa caffeina contenuta. È meglio allora bere un decaffeinato che, oltre a non disturbare il cuore, fa addirittura bene alla memoria. A scoprirlo sono stati i ricercatori della Mount Sinai School of Medicine di New York utilizzando come cavie dei topi affetti da diabete di tipo 2.

Ricerca sull’assunzione di caffè

Il gruppo di ricerche guidato da Giulio Maria Pasinetti, docente di Neurologia e Psichiatria al Mount Sinai, ha scoperto come una dose standardizzata di caffè decaffeinato prima dell’insorgenza del diabete potesse migliorare la resistenza d’insulina nei topi affetti da diabete di tipo 2. Da questa ipotesi è partita la sperimentazione con la somministrazione di caffè decaffeinato ai topi per 5 mesi. Dopo la “cura” il cervello delle cavie si è dimostrato più efficiente nel metabolizzare il glucosio e quindi in grado di riutilizzarlo nella produzione di energia cellulare.

I soggetti affetti da diabete di tipo 2 infatti hanno difficoltà ad utilizzare il glucosio aumentando cosi la possibilità di riscontrare malattie degenerative come il mordo di Alzheimer. Se il caffè decaffeinato aiuta il cervello a riutilizzare il glucosio trasformandolo in energia cellulare allora molte di queste malattie degenerative potranno essere bloccate, specialmente in quei soggetti in età avanzata e con alte probabilità di essere colpite da questi problemi.

Risultati della ricerca sulla somministrazione del caffè

Pasinetti e i ricercatori si sono detti molto soddisfatti dei risultati ottenuti e il loro studio ha dimostrato come questo tipo di malattie degenerative possano essere prevenute e curate con la semplice somministrazione di caffè decaffeinato. Per ora i risultati si sono ottenuti sui topi ma visti i risultato siamo sicuro che tra non molto la stessa terapie verrà effettuata sugli uomini con la speranza che i risultati siano gli stessi se non addirittura migliori.

Francesco Cianni

+Il caffè per allontanare l’attacco del diabete di tipo 2

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.