Gran Bretagna: stop al fumo in auto, ci pensa anche l’Italia

Home»Magazine»Gran Bretagna: stop al fumo in auto, ci pensa anche l’Italia

ROMA, 17 NOVEMBRE – Si sa gli inglesi sono di polso, e infatti i medici della British Medical Association (Bma) hanno richiesto al governo una legge che permetta di vietare il fumo mentre si è alla guida della propria auto.

Tale richiesta è nata dopo aver esaminato i risultati di una ricerca, che ha evidenziato che il livello di tossine a cui vengono esposti i passeggeri in macchina, è almeno 23 volte superiore a quello di un ambiente al chiuso. Per questo motivo l’intervento mira a tutelare in particolar modo bambini ed anziani, soggetti più a rischio. I bambini infatti assorbono molte più sostanze nocive rispetto a un adulto, oltre ad avere un sistema immunitario meno sviluppato. Oltre alla salute, il divieto migliorerebbe anche l’attenzione del guidatore in modo da evitare più incidenti.

“Chiediamo al governo britannico di fare l’audace e coraggioso passo di introdurre un divieto al fumo nei veicoli privati”, queste le parole di Vivienne Nathanson, dirigente del Bma. Il divieto di fumo nei luoghi pubblici, in Gran Bretagna è attivo già dal 2007. Intanto il ministero della Salute ha già espresso il suo pensiero sulla scarsa fiducia a riguardo, poiché non è una legge che può modificare efficacemente il comportamento delle persone. Si è detto contrario anche David Cameron, nonostante sia ormai un ex fumatore.

Non si sa se questo provvedimento verrà messo in atto, quello che è certo è che molti guidatori saranno contrari. Se non altro ne gioveranno i passeggeri.

Sabrina Spagnoli

 

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.