Alisson, che scoperta: 5 cose da sapere sul portiere della Roma

Home»Roma»Alisson, che scoperta: 5 cose da sapere sul portiere della Roma

Icardi se lo sognerà per un paio di notti ancora, almeno. Chi? Alisson, il portiere della Roma che dopo un anno di apprendistato alle spalle di Szczesny, si è preso titolarità e luci della ribalta. Ma ricordate quand’era ancora uno sconosciuto? In città erano in molti a nutrire dubbi sul talento dell’estremo difensore brasiliano. Ebbene: nel mentre ha giocato titolare la Copa America e quest’anno disputerà da numero uno un mondiale che il Brasile può e vuole vincere.

Se non doveste conoscerlo ancora, ecco cinque cose da sapere sul portiere romanista. Da non sottovalutare.

STORIA PARTICOLARE

Ok, la storia è bella. Fernandao era il capitano e l’idolo dell’Internacional de Porto Alegre: terminata la sua carriera, l’ex giocatore diventa direttore generale del club. Ed è lui ad avere un ruolo chiave nella crescita del portiere, oltre a Daniel Pavan, il preparatore di Alisson. Il primo l’ha subito messo sotto contratto, mentre il secondo ha aiutato entrambi i fratelli a diventare professionisti. Come? Pensate oggi a com’è strutturato Alisson: alto, muscoloso, forte fisicamente. Ebbene, anche solo 10 anni fa nessuno immaginava che sarebbe diventato fisicamente così a posto. Grazie anche all’aiuto di Muriel, portiere e amico del giallorosso che lo portò a vivere vicino al centro d’allenamenti, Alisson divenne pian piano un punto fermo delle giovanili dell’Internacional, fino a far sedere Muriel in panchina e a prendere la fascia di capitano della squadra. E pensare che la famiglia avrebbe desiderato che tornasse a studiare…

GLI IDOLI

Ha idoli molto…brasiliani, ecco. E ne sono due: Taffarel, grande portiere dell’impesa mondiale del Brasile, e poi Ayrton Senna. La particolarità è che quest’ultimo non l’ha mai visto in tv, eppure Alisson conosce la sua vita a memoria. Il migliore al mondo, però, per lui resta Manuel Neuer.

IL SOPRANNOME

Sapete come lo chiamano? O Muso, ossia ‘il bello’. Il motivo è facilmente intuibile: Alisson è davvero un bel ragazzo, anche se pare non essere vanitoso. Prima del portiere avrebbe potuto intraprendere la strada del fotomodello: però il calcio è sempre stata la sua grande passione. Certo, qualche campagna pubblicitaria c’è stata: però le fan sono sempre state tenute alla larga. Il suo amore è uno, uno soltanto: Natalia Loewe. Poi c’è Shakira, la sua cagnolina.

FAMIGLIA DI PORTIERI

Il bisnonno giocava in porta, lo faceva in una squadra dei dilettanti brasiliani; il padre ha sempre seguito le orme del suo ‘vecchio’, ma solo tra amici. La madre ha giocato in porta nella squadra di pallamano di Rio e il fratello è stato la sua riserva all’Internacional fino a poco tempo fa. Sì, portiere anche lui.

IL RAPPORTO CON DUNGA

Fondamentale è stato il rapporto con Dunga: non solo il CT che gli ha ‘consegnato’ la maglia verdeoro, ma anche il tecnico che gli ha dato fiducia con l’Internacional nel febbraio del 2013 per una storia d’assenze. E che assenze: Dida – proprio lui – e Muriel erano protagonisti di una staffetta, poi entrambi s’infortunarono nello stesso periodo. Dunque, arrivò l’attuale portiere giallorosso che pian piano meritò i gradi di numero uno. L’ex milanista fu ‘costretto’ al ritiro. E Alisson fu confermato titolare.

 

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.