La maledizione di Alessandro Florenzi

Home»Sport»Calcio»La maledizione di Alessandro Florenzi

Il ginocchio già operato del centrocampista fa di nuovo crac?

Nella sua carriera calcistica, Alessandro Florenzi non ha mai patito gravi infortuni. Il centrocampista, cresciuto nel vivaio della Roma e letteralmente “sbocciato” a Crotone, è diventato uno dei punti fermi del club giallorosso, una di quelle bandiere della “romanità” al fianco di Totti e De Rossi, ma si è fatto valere anche in nazionale, scendendo in campo in 24 occasioni e conquistandosi la fiducia di Conte prima e di Ventura poi. Il 26 ottobre scorso, però, è arrivata la rottura del legamento crociato del ginocchio sinistro. Da allora, per Florenzi è cominciato un calvario fatto di sale operatorie e controlli prima e di riabilitazione poi.

Il 25enne polivalente stava intravedendo la luce in fondo al proprio tunnel. Aveva ripreso ad allenarsi con i ragazzi di mister De Rossi, con quella Primavera che era servita anche a Grenier per mettere minuti nelle gambe e a Gerson per assimilare meglio i meccanismi italiani e della Roma.

Dopo quattro mesi e un’operazione ormai alle spalle per Florenzi si prospettava un rientro a marzo, giusto in tempo per aiutare i suoi compagni nel rush finale alla conquista di un posto tra i top team italiani e nella rincorsa all’Europa League. È però arrivata oggi la doccia fredda. Durante un allenamento, il ginocchio che era stato operato dal professor Mariani si è girato. Florenzi si è accasciato a terra, tra lo sgomento dei presenti. A Trigoria le bocche sono cucite, il verdetto è rimandato a venerdì in attesa di capire se l’articolazione riuscirà a beneficiare di due giorni di riposo. Per il numero 24 giallorosso, punto fermo anche della nazionale di Giampiero Ventura, sembra essere in corso una vera e propria maledizione. Le cure antalgiche per lenire il dolore sono già cominciate.

La speranza di Florenzi – che in giallorosso ha già collezionato 150 presenze impreziosite da 21 reti – ma anche di tutta la Roma è quella che non si tratti di una ricaduta, che potrebbe significare un altro lungo stop. Venerdì sarà un giorno davvero importante per la sua carriera, ma resta anche da valutare la bontà della decisione di accorciare i tempi di recupero.

Florenzi a breve avrebbe infatti fatto il suo esordio nel 2017 con la maglia della Primavera, ma oggi pomeriggio il rientro in campo era stato rimandato a data da destinarsi, forse per motivi dipendenti dalla condizione del ginocchio. Tutto l’ambiente giallorosso ora trattiene il fiato, spera che Florenzi non sia caduto in una maledizione, e spera di non perdere un giocatore fondamentale per gli schemi di Spalletti.

 

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.