Facebook: notte da incubo a Palo Alto, il tasto "Mi Piace" manda in tilt milioni di siti

Home»Roma»Facebook: notte da incubo a Palo Alto, il tasto “Mi Piace” manda in tilt milioni di siti

La schiavitù psicologica da Facebook colpisce anche il web

Il social network più amato dai navigatori ha ormai contagiato tutte le fasce d’età: questo mondo virtuale è infatti vissuto da milioni di iscritti come un antidoto al senso di vuoto e alla solitudine che li affligge nella vita reale. Condividere la nostra vita online è ormai quasi una necessità, una dipendenza indotta dai messaggi subliminali onnipresenti sulla nostra bacheca: “A cosa stai pensando?”.

Studi recenti compiuti da ricercatori dei più importanti atenei internazionali hanno dimostrato come l’utilizzo smodato di Facebook e dei suoi alter ego può dare dipendenza, proprio come le sigarette o le sostanze stupefacenti. Tale dipendenza non riguarda solo l’uomo ma anche milioni di siti il cui traffico è vincolato dalla condivisione di post sul noto social network.

Un bug legato all’utilizzo del tasto ‘Mi Piace‘ ha mandato ko quasi tutti i siti presenti nella Rete. Il problema è stato originato dall’applicazione Facebook Connect, la funzione che permette di esprimere l’apprezzamento per la pagina sul proprio profilo.

A causa di un errore nel codice di programmazione per quasi due ore gli utenti che avevano già effettuato il login al social network di Zucherberg e che entravano in queste pagine venivano reindirizzati automaticamente ad una pagina di errore 404. Il problema è stato prontamente risolto dai tecnici dell’azienda di David Zuckerberg  e ora tutto funziona normalmente, per la felicità di milioni di cyber-dipendenti dal “Grande Fratello informatico”.

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.