Arrestato il direttore dell'ufficio postale del Senato per spaccio di cocaina

Home»Roma»Cronaca»Arrestato il direttore dell’ufficio postale del Senato per spaccio di cocaina

ROMA, 26 SETTEMBRE – Appena ieri è stato annunciato l’arresto di Orlando Ranaldi direttore dell’ufficio postale del Senato per spaccio di cocaina. Il direttore è stato arrestato nella sua abitazione romana come completamento di un’indagine durata sette mesi. Sul registro degli imputati sono coinvolte altre dieci persone delle quali 4 sono agli arresti domiciliari e le rimanenti al carcere di Regina Coeli. Stando ai risultati dell’attività investigativa, Rinaldi sarebbe il braccio destro di un boss della droga albanese e avrebbe gestito importanti attività di spaccio su tutta la zona di Roma Sud. I carabinieri di Colleferro in merito hanno subito precisato la non necessaria perquisizione dell’ufficio postale del Senato perché non sussistono indizi che facciano pensare ad un ‘attività di spaccio all’interno del Senato stesso.

Intanto da palazzo Madama viene redatto  un comunicato stampa  in cui si chiarisce l’assenza di responsabilità in merito. Il cui testo così recita:“In relazione alla notizia dell’arresto del signor Orlando Ranaldi si precisa che lo stesso e’ dipendente di Poste Italiane e non del Senato della Repubblica. Il Senato si limita a concedere in uso propri locali a Poste Italiane che gestisce autonomamente l’agenzia e le risorse umane ivi impiegate, cosi’ come ha indicato nel 2007 il nominativo del direttore dell’ufficio postale scegliendolo tra il proprio personale” . Parole di deresponsabilizzazione che non placano gli stupori generali.

Alessandra Filice

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.