Aggressione Stazione Termini; non si tratta di stupro per la ragazza australiana

Home»Roma»Cronaca»Aggressione Stazione Termini; non si tratta di stupro per la ragazza australiana

ROMA, 12 LUGLIO – La turista  era in vacanza a Roma e martedì aveva passato la serata   amici. Quest’ultimi   hanno riferito dell’incontro tra la giovane e il tunisino avvenuto in un locale e dell’allontanamento dei due subito dopo. A trovarla è stato il portiere di un albergo, che ha poi chiamato la polizia.“

“Il rapporto è stato consensuale”. Così ha riferito agli inquirenti la ragazza australiana trovata in un lago di sangue in via Milazzo, vicino Termini. Gli inquirenti  stanno tentando di ricostruire questa vicenda che appare molto ingarbugliata. Siamo nei pressi della stazione Termini.  Un video mostra   la turista che passeggia mano nella mano con un ragazzo, un tunisino. Poi, lei si allontana di circa 300 metri con una emorragia in corso, ma nulla spiega la causa di quelle perdite di sangue. La prima ipotesi ritenuta credibile dagli inquirenti è stata quella dello stupro, ma le cose non sembrano essere andate così, perché la stessa ragazza ha dichiarato di aver avuto un rapporto sessuale consensuale con il tunisino.

Se non c’è stata violenza, un’emorragia così copiosa non si spiega. La polizia continua ad indagare. Al momento, il ragazzo che era con la turista non  è stato accusato né per lesioni né per omissioni di soccorso. La 22enne,trasportata all’Umberto I, è  stata sottoposta ad  un intervento chirurgico durante il quale le sono stati applicati alcuni punti di sutura nella zona genitale. La ragazza non ha riportato nessun altro tipo di ferita e dagli esami è risultato anche un tasso alcolemico molto alto. Adesso si attendono sviluppi che possano chiarire meglio la vicenda.

Marina Mignano

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.