Venerdì 22 giugno sciopero dei trasporti, sarà caos a Roma

Home»Roma»Venerdì 22 giugno sciopero dei trasporti, sarà caos a Roma

ROMA, 19 GiugnoVenerdì 22 Giugno a Roma scatterà lo sciopero del trasporto pubblico. Saranno 24 ore di fuoco, a rischio bus, tram, ferrovie urbane e metro per lo sciopero indetto dalle sigle sindacali. Saranno rispettate le fasce orarie di garanzia per tutti i passeggeri, da inizio servizio fino alle 8:30 e poi dalle 17 alle 20. Per le ferrovie delle stato: Roma-Lido, Termini-Giardinetti e Roma-Civitacastellana-Viterbo saranno  ferme mentre  il servizio dei bus notturni subirà possibili riduzioni delle corse nella notte tra giovedì e venerdì.

Per l’ Atac,la protesta comincerà alle 9: le linee di bus gestite da Roma Tpl saranno ferme a partire dalle 8,30. Lo sciopero causerà interruzioni del servizio nelle attività al pubblico ,l’Agenzia Roma  ha aperto i servizi per la mobilità: sportello al pubblico di Piazzale degli Archivi 40, box informazioni di Termini e Fiumicino, check-point bus turistici di Aurelia, Laurentina e Ponte Mammolo, contact center infomobilità (0657003) e numero verde persone con disabilità 800154451.

Sarà aperta la metro B1 e consentirà a tutti i passeggeri il regolare funzionamento. La sigla sindacale cita: “Lo sciopero è indetto contro l’attacco alle condizioni e al diritto del lavoro, contro l’aumento della precarietà e contro la possibilità di licenziare senza giusta causa introdotta attraverso la modifica dell’articolo 18; contro l’aumento delle tasse, contro l’IMU e l’aumento dell’IVA; contro l’attacco alla pensione e al diritto alla salute e alla sicurezza sui posti di lavoro; contro le politiche economiche e sociali del governo Monti e il ricatto del debito operato dalle banche e dall’Unione Europea. In questo contesto la categoria dei Trasporti è particolarmente colpita, da privatizzazioni e liberalizzazioni, dallo smantellamento del Contratto Nazionale delle Ferrovie, dal Contratto della Mobilità abbandonato da 4 anni, con le conseguenti forti penalizzazioni economiche ed il contemporaneo aumento dei carichi di lavoro”.

Stefano Parisi

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.