Le Monde riaccende polemica Verdone-Alemanno

Home»Roma»Politica»Le Monde riaccende polemica Verdone-Alemanno

ROMA, 2 Giugno – Il giornale francese Le Monde incensa Roma nell’articolo firmato da Daniel Psenny, che invita i turisti a girare per la Città Eterna in vespa per apprezzarne anche i luoghi più nascosti, proprio come Gregory Peck e Audrey Hepburn in ”Vacanze romane”. Nella Capitale, tuttavia, il reportage francese accende di nuovo la polemica tra il sindaco Gianni Alemanno e il popolare regista romano Carlo Verdone, che giorni fa si era detto amareggiato dalle condizioni di degrado della città. “Bisognerebbe inviare una copia di Le Monde a Verdone – suggerisce Alemanno ironicamente – così si tira un po’ su dalla crisi depressiva che ha avuto per la sua e la nostra amata Roma”. Verdone replica dai microfoni di RadioRadio, intervenendo nella trasmissione “Lavori in corso”, dove chiede al Sindaco “di fare una cosa che rischia di essere impopolare: far rispettare le regole. Non c’è altra soluzione, anche a costo di perdere qualche voto. Ma probabilmente se ne acquistano altri”.

La diatriba era scoppiata in occasione dell’uscita del film di Woody Allen “To Rome di love”. Dalle pagine del settimanale TV Sorrisi e Canzoni, Verdone aveva definito la sua città come in balia del caos e del degrado, muovendo delle critiche all’immagine che invece il film ne offriva, come “un finto presepe”. In un’altra intervista, si era poi lamentato del traffico, dei tavolini senza regole e degli spray sui monumenti, suscitando le risposte di Alemanno, per ultima l’invito a leggersi Le Monde.

In un comunicato stampa del Coordinamento Residenti Città Storica si legge l’appoggio a Verdone, “ecco un romano che ama veramente la sua città e i suoi concittadini”. Inevitabilmente, la polemica ha poi assunto toni politici. Se da una parte, infatti, il consigliere del Pd, Dario Nanni si unisce allo scontento di Verdone, dall’altra Antonio Gazzellone, Pdl, delegato al turismo, si dice d’accordo con l’immagine proposta da Le Monde.

Martina Bezzini

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.