Lazio beffata dal Lecce al 91°. Terzo posto salvo, per ora

Home»Roma»Lazio beffata dal Lecce al 91°. Terzo posto salvo, per ora

ROMA, 23 Aprile – Una Lazio che difende il terzo posto con le unghie e i denti. Finisce 1 a 1 il match contro il Lecce, purtroppo a causa di un pareggio procurato da Bojinov al 91°. Occasione sprecata per i biancocelesti, che dominano la partita nonostante gli otto infortunati e due squalificati.

Per il momento l’entrata in Champions è salva, ma Reja non ci sta. Servono punti fondamentali mercoledì prossimo contro l’Udinese. “Dovremo valutare all’interno dello staff”, dichiara il goriziano in vista del prossimo appuntamento. “Io mi prendo la responsabilità dell’ infortunio di Lulic, perché il ragazzo non doveva giocare a Madrid contro l’Atletico. Però ne sono successe di tutti i colori. È normale che, con tanti infortuni e mancando i ricambi, vai incontro a diversi problemi”. Il tecnico laziale avverte indirettamente i suoi. “Guai a scendere in campo con sufficienza. Dovremo avere grandi motivazioni, come se stessimo giocando col Milan. Questo match vale il nostro destino”.

“Il gol di Bojinov ha reso giustizia ad una partita che non meritavamo assolutamente di perdere”, commenta un soddisfatto Cosmi. “Per gran parte del match, infatti, la mia squadra ha dimostrato di saper tenere bene il campo e di avere una condizione atletica superiore ai nostri avversari. Fino al gol di Matuzalem, la gara era stata equilibrata, con occasioni da una parte e dall’altra. Probabilmente, solo a centrocampo abbiamo dato un’interpretazione non corretta alla gara, correndo in maniera poco efficace e sprecando molte energie inutilmente; sono convinto che se avessimo giocato in maniera diversa e senza fare il gioco della Lazio, avremmo potuto ottenere un risultato ancor più positivo”.

Luca Siliquini

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.