Investito ragazzino di 12 anni a Primavalle: è caccia al pirata

Home»Roma»Cronaca»Investito ragazzino di 12 anni a Primavalle: è caccia al pirata

ROMA, 20 Aprile – Pare fosse una donna alla guida dell’auto pirata che ieri, intorno alle ore 14, a Roma, non si è fermata a prestare soccorso. La sfortunata vittima dell’incidente è un giovane ragazzo di soli 12 anni, che dopo lo schianto è volato per circa 20 metri, finendo esanime sull’asfalto. L’incidente è accaduto nella zona di Primavalle, nello specifico in Via Pietro Maffei.

Alcuni ragazzi, oltre ad aver visto l’auto ed il colore – una Opel Agila grigia – hanno segnato anche parte della targa, mentre cercavano di inseguirla con i motorini. Sembra quindi non sarà troppo difficile risalire alla donna che era al volante. La Polizia e i Vigili urbani – che si sono subito recati sul posto, avvertiti dai negozianti e dagli abitanti della zona, che si trovavano lì di passaggio – stanno ora battendo le zone di Primavalle e Torrevecchia, alla ricerca dell’incosciente automobilista. E’ caccia aperta quindi a questa donna senza scrupoli, che i passanti affermano aver visto schiacciare l’acceleratore nonostante si sia accorta della gravità della situazione in cui versava il ragazzo. E’ infatti accusata di tentato omicidio e ancor più grave di omissione di soccorso. Sono al vaglio anche delle registrazioni effettuate dalle telecamere poste all’esterno del cinema Galaxy, proprio nelle vicinanze dello schianto.

Il giovane, che già è stato operato, si trova ora nell’Unità Operativa di Terapia Intensiva Pediatrica del Policlinico universitario Gemelli della Capitale, in gravi condizioni, ricoverato in prognosi riservata, a causa di un trauma cranico con ematoma subdurale e difficoltà respiratorie, causate da alcune emorragie nelle vie aeree superiori. Bisognerà attendere le prossime 48 ore per poter stabilire come sta reagendo all’operazione. Sconvolti tutti i testimoni e i negozianti, molti dei quali conoscono il ragazzo, poiché vive in quella zona, dove oggi ha rischiato la vita. Giornata nera per i pedoni italiani. Si sono infatti verificati altri due gravi investimenti in Lombardia, uno a Rho e uno a Brescia. Coinvolti un bimbo di 6 anni e una mamma con la sua bambina di due anni, tutti e tre fuori pericolo.

Norma Pasi

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.