Autorizzazioni in cambio di mazzette: scattano le manette per due vigili corrotti e un geometra

Home»Roma»Cronaca»Autorizzazioni in cambio di mazzette: scattano le manette per due vigili corrotti e un geometra

ROMA, 5 Aprile – Sono cinque i vigili urbani coinvolti in questa indagine, due dei quali, Duilio Valente e Giancarlo Vicari, sono già agli arresti domiciliari, così come il geometra Francesco Belmonte, su richiesta del Gip Filippo Steidl. L’accusa è di concussione. Sono infatti stati denunciati dai fratelli Paolo e Silvio Bernabei, proprietari di un’enoteca di Roma a Trastevere, che dichiarano di aver sborsato circa sessantamila euro di tangenti.

A quanto pare i tre furbetti erano soliti ricevere cospicue somme di denaro in cambio di facili autorizzazioni rilasciate ai negozianti della Capitale. Sono ora state disposte perquisizioni nelle abitazioni e negli uffici degli indagati, che vengono inoltre accusati di molti altri reati, dalla falsità ideologica allo scambio di persona, passando per l’omessa denuncia.

Alemanno afferma che la pubblica Amministrazione Capitolina si costituirà parte civile nei futuri processi riguardanti questa stori. Ha espresso inoltre sostegno alla magistratura e dichiarato che tutti i cittadini romani sono ritenuti parte lesa nei reati di corruzione e concussione.

Norma Pasi

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.