Palazzo Valentini, Zaccai: "Mai avute idee suicide"

Home»Roma»Cronaca»Palazzo Valentini, Zaccai: “Mai avute idee suicide”

ROMA, 13 Marzo – “Mai avuto idee suicide, né di autolesionismo”, sono le parole del consigliere della Provincia di Roma Pierpaolo Zaccai, ex Pdl ora Gruppo Misto, bloccato questa mattina all’ingresso di Palazzo Valentini dai Carabinieri. In mattinata si era diffusa la notizia che Zaccai avrebbe annunciato di volersi suicidare all’interno del palazzo sede della Provincia. Notizia smentita, quindi, dallo stesso Zaccai: “Questa mattina sono stato fermato a Palazzo Valentini, dove lavoro, dai Carabinieri che mi hanno invitato in caserma per la notifica di una denuncia in seguito ad una lite familiare”.

Ecco come si sono svolti i fatti. A seguito di una lite con la madre avvenuta nella serata di ieri, il consigliere ha rotto alcune finestre ferendosi ad una mano. Successivamente avrebbe rivelato alla sorella l’intenzione di togliersi la vita con un gesto plateale a Palazzo Valentini. La sorella ha immediatamente avvisato i Carabinieri della compagnia di ostia Antica. Appena giunto alla sede della Provincia, Zaccai è stato bloccato dai militari, che lo hanno accompagnato alla stazione di Piazza Venezia.

Pierpaolo Zaccai era stato coinvolto in una vicenda di escort transessuali e droga lo scorso luglio quando, alle sei del mattino, si affacciò in stato confusionale dal balcone dell’abitazione di un trans improvvisando un comizio. Sin da subito Zaccai si era difeso affermando di essere vittima di un complotto organizzato dai viados per vendicarsi di alcune sue investigazioni atte a rivelare i segreti del mondo dei transessuali. A seguito di questa vicenda, il Pdl aveva deciso di sospendere Zaccai dal partito in modo cautelativo.

Augusto D’Amante

Fonte Immagine: lastampa.it

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.