Roma, Piramide: emersa necropoli sotto le rotaie della linea 3 del tram

Home»Roma»Cronaca»Roma, Piramide: emersa necropoli sotto le rotaie della linea 3 del tram

ROMA, 12 MarzoDopo 18 secoli di sepoltura riemergono crani, teschi, scheletri sotto un deposito dell’Atac. Questa è la scoperta che è avvenuta a Roma, in zona Piramide. Non sarà questo a  cambiare i manuali di archeologia, come sanno gli addetti ai lavori che non si scompongono dell’avvenimento. Si sa, Roma da sempre è zona di Necropoli, ma in quale altra città basta scavare pochi metri sotto terra per trovare una vera e propria necropoli del II secolo? In particolare la zona riguarda le rotaie della linea 3 del Tram che attraversa la zona Piramide Cestia, vicino Piazzale Ostiense.

Lo scheletro rinvenuto se ne sta lì, con le braccia conserte, perfettamente intatto e per niente scomposto dopo essere stato per 18 anni sepolto ed aver subito anche 60 anni di traffico cittadino. Oltre allo scheletro, altre tracce di crani, tra cui quello di un bambino, ossa e delle anfore appartenenti a quell’epoca. Nulla di strano, ma fa effetto pensare che tutto si trova al di sotto del passaggio della linea del tram che molte persone ogni giorno prendono per recarsi al lavoro. La scoperta potrebbe risalire al 5 di marzo di quest’anno, qualche giorno fa.

“Da qualche giorno mi ero insospettita dell’andirivieni degli operai della ditta dal deposito di via Collatina dove lavoro – spiega Rita Pozzato, una delle addette alla vigilanza dei cantieri Atac -. Dopo un po’ mi sono accorta che parlottavano fra di loro, citando un cimitero o qualcosa di simile…”. Lì è scattata, in seguito, la segnalazione dell’azienda di trasporti e poi è intervenuta la soprintendenza dei Beni Culturali. E’ intervenuto, di seguito, un archeologo e oggi dovrebbe recarsi sul posto anche un antropologo per datare con certezza i resti umani.

Secondo l’Ufficio Stampa dell’ Atac, il ritrovamento non dovrebbe rallentare il ripristino rapido della linea 3 del Tram, fondamentale per lo scorrimento del traffico cittadino.

Sabrina Bachini

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.