Roma: giovane rapinatore tenta di nascondersi tra i cespugli, arrestato

Home»Roma»Cronaca»Roma: giovane rapinatore tenta di nascondersi tra i cespugli, arrestato

ROMA, 1 Marzo – Atto di coraggio ieri mattina di un cittadino romano che aveva appena assistito ad una rapina, ha evitato la fuga del rapinatore, chiamando prontamente i carabinieri del Commissariato Prenestino, guidato da Mauro Fabozzi, che sono riusciti ad arrestare lo strambo ladro romano di 27 anni, che da poco aveva messo a segno il colpo in un supermercato di San Basilio, minacciando i clienti con un coltello. Il ragazzo, dopo essersi intascato un magro bottino pari a 235 euro in contanti, è scappato in strada e durante la corsa ha perso una serie di banconote. Prima della rapina e dell’arresto nella stessa mattinata, il giovane aveva tentato di rapinare una tabaccheria, senza riuscirvi, grazie allo stesso titolare del negozio, fisicamente più imponente del ragazzo, ad impedire l’ennesima rapina mettendolo in fuga.

Il rapinatore nel tentativo di far perdere le sue tracce, ha addirittura cercato di mimetizzarsi in alcuni cespugli presenti nella zona del Prenestino, probabilmente perché allarmato dalle sirene della volante dei carabinieri. E nonostante la creatività del nascondiglio, una volta giunti sul posto gli agenti hanno intercettato l’uomo, bloccandolo e portandolo al fresco. Il giovane A.M., era la prima volta che indossava i panni di un rapinatore, adesso accusato di rapina a mano armata e aggravata.

Le rapine nella capitale si moltiplicano quotidianamente: dal ragazzo rapinatore di supermercati, ai rapinatori seriali di Primavalle, diventati ormai il terrore del quartiere, mettendo a colpo nove rapine solo nell’ultimo mese e sempre utilizzando la stessa tecnica, quella dell’appostamento nei pressi delle banche aspettando clienti che si presentassero al bancomat per prelevare. Il rischio sale e la sicurezza si dimezza.

Valeria Racano

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.