Festival del Cinema di Roma: Rondi si dimette, alla presidenza arriva Marco Mueller

Home»Roma»Cronaca»Festival del Cinema di Roma: Rondi si dimette, alla presidenza arriva Marco Mueller

ROMA, 25 FebbraioAlla fine ha ceduto. “Mi son detto: ‘chi ha più gentilezza la adoperi’, e non potendo chiedere le dimissioni del sindaco, le ho date io”, dice Gian Luigi Rondi al termine del consiglio d’amministrazione della Fondazione Cinema per Roma nel quale sono state annunciate le sue dimissioni da presidente del Festival del Cinema. Sotto pressione da circa tre mesi, protagonista di un lungo braccio di ferro con Comune e Regione Lazio, alla fine Rondi ha preferito fare un passo indietro, “mi sono sacrificato per salvare un’edizione che rischiava di non avere luogo, ho detto al sindaco Alemanno che mi sarei dimesso e l’ho fatto mercoledì, ma oggi l’ho comunicato al cda”.

Un braccio di ferro che andava avanti ormai da settimane, fra Alemanno e la presidente della Regione Lazio, Renata Polverini da un lato e il decano dei critici cinematografici dall’altro, con momenti di tensione per l’insistenza con cui i due rappresentanti delle amministrazioni locali avevano cercato di imporre il loro candidato, l’ex direttore della Mostra del Cinema di Venezia Marco Mueller, nonostante la forte opposizione dell’allora presidente del Festival.

“Mi sento liberato da un peso ma non amareggiato, se sapeste che tira e molla è stato in questi tre mesi. Mi hanno offerto la presidenza onoraria, anche con uno stipendio. Ma io ho detto ‘no, grazie’, perché non me la sento di fare il presidente onorario dopo che ero stato presidente”, afferma Rondi. Le sue dimissioni sbloccano dunque l’impasse creato dall’incompatibilità fra due figure significative del cinema italiano e internazionale. Definitivamente tramontata quindi la ricandidatura di Piera Detassis, il cui mandato è scaduto alla fine del 2011. “Io non ho nulla contro Mueller – aggiunge Rondi – anzi, quando ero a Venezia caldeggiai la sua riconferma. Però dissi che per me era più brava la Detassis e ciò che ha fatto lei a Roma è migliore di ciò che ha fatto Mueller a Venezia, parlando di due manifestazioni molto diverse”.

Costanza Ferruzzi

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.