Roma, Giustiniana: chiuso ospizio lager

Home»Roma»Cronaca»Roma, Giustiniana: chiuso ospizio lager

ROMA, 22 Gennaio – E’ stata chiusa dagli agenti del commissariato Flaminio la casa di cura lager, sita in via Morisani a Roma, di proprietà di una 49enne sprovvista di alcuna autorizzazione, in cui gli anziani venivano maltrattati e imbottiti di farmaci senza prescrizione medica.

Le vittime dell’ospizio in questione sono circa dieci, tra cui un uomo di 68 anni e una donna di 77, che venivano tenuti segregati in due ripostigli chiusi a chiave, mentre gli altri “ospiti” dell‘ospizio sono stati ritrovati dagli agenti in grave stato confusionale ed in precarie condizioni igienico-sanitarie. Numerose le irregolarità segnalate dalla squadra di polizia, coordinata da Angela Cannavale, al termine dell’ispezione dei quattro piani della villetta bifamiliare: l’assistenza agli anziani era svolta senza alcuna autorizzazione, non solo dalla proprietaria della struttura, ma anche da due donne di nazionalità romena sprovviste di regolare contratto di lavoro, che somministravano farmaci senza prescrizione medica, oltre a maltrattare fisicamente i residenti della casa di cura.

Scortata al commissariato, la responsabile della struttura di assistenza è stata accusata di sequestro di persona e, a seguito di ulteriori indagini, è emerso che la donna già nel 2006 aveva gestito una casa di riposo illegale. Dopo la chiusura e il sequestro dell’ospizio, le vittime sono state affidate ai parenti o ai servizi sociali e collocate in strutture adeguate.

Chiara Cavaterra

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.