Tensione alla Sapienza: studenti irrompono nell'aula Magna di Fisica, bersaglio il Rettore Frati

Home»Roma»Cronaca»Tensione alla Sapienza: studenti irrompono nell’aula Magna di Fisica, bersaglio il Rettore Frati

ROMA, 18 GennaioAttimi di tensione nella città universitaria della Sapienza. Un gruppo di studenti, abbastanza numeroso, durante un’assemblea presso la facoltà di Giurisprudenza, decide di cercare il rettore Luigi Frati per chiedere chiarimenti sul sovraffollamento dei corsi. Il rettore si trovava presso la facoltà di Fisica impegnato in una conferenza. Gli studenti, un centinaio, fanno irruzione nell’aula magna, dove si teneva la discussione. Frati, infastidito da ciò, abbandona l’aula di corsa. Viene bloccato davanti la facoltà  di Fisica dalla folla in rivolta.

Al grido di “buffone, buffone” il rettore cerca il contatto con gli studenti, chiedendo spiegazioni. Il problema posto dagli studenti del Collettivo riguarda il sovraffollamento delle aule e la mancanza delle stesse. Nella mattinata, infatti, un corso della facoltà di Giurisprudenza, tenuto nell’istituto di Medicina Legale, e’ stato sospeso per la non agibilità dell’aula A, al primo piano dell’istituto. Troppo numerosi gli studenti secondo il commissario interno dell’università intervenuto immediatamente.

Il poco elegante battibecco tra gli studenti e il Rettore, durato circa mezz’ora, si conclude con la promessa di quest’ultimo di chiedere lumi al preside di Facoltà, il professore Caravale. A quanto pare il Magnifico Rettore non sapeva nulla della questione posta dagli studenti. Il tutto si è svolto sotto gli occhi attenti della DIGOS. Al termine tutti nelle aule a studiare.

Giancarlo Lettera

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.