Tor Pignattara: la pistola sequestrata non ha ucciso Zhou e Joy. Alemanno:” Quartieri fuori controllo”

Home»Roma»Cronaca»Tor Pignattara: la pistola sequestrata non ha ucciso Zhou e Joy. Alemanno:” Quartieri fuori controllo”

ROMA, 6 Giugno – La pistola calibro 7,65 ritrovata dalle forze dell’ordine in un clinica per detenuti agli arresti domiciliari in zona Prenestina non è quella che ha freddato le vittime della rapina di via Alò Giovannelli, nel quartiere di Tor Pignattara.

La pistola era stata ritrovata dalle forze dell’ordine nell’ambito di alcune perquisizioni nella clinica per detenuti. In seguito al sequestro erano circolate alcune voci che facevano pensare al ritrovamento dell’arma che i killer avevano utilizzato per l’omicidio del 31enne Zhou Zeng e di sua figlia Joy di appena 9 mesi.

Il Sindaco Alemanno è preoccupato per la situazione di grave pericolo che avvolge la Capitale:” Bisogna agire in senso preventivo, lo chiedo da mesi. Ci sono quartieri a rischio, fuori controllo, che necessitano di un intervento massiccio e di perquisizioni a tappeto. Serve un vero e proprio controllo del territorio che vada a sgominare bande criminali che stanno alzando la cresta ormai da troppi mesi”.

L’opposizione, nella figura del deputato PD Enrico Gasparra, si scaglia contro il primo cittadino:” E’ fallito il modello sceriffo di governare la città, quello delle ronde. Per amministrare realtà come Roma bisogna mettere in campo un grande intervento economico-sociale, sul modello di Giorgio La Pira (storico sindaco cattolico di Firenze).

Antonello Di Muccio

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.