Roma, Termini: inaugurato il treno commemorativo al milite ignoto

Home»Roma»Politica»Roma, Termini: inaugurato il treno commemorativo al milite ignoto

ROMA, 3 NovembreQuella che doveva essere la celebrazione per il 90° anniversario del Milite Ignoto è stata movimentata dalla protesta dei lavoratori di Wagon Lits per le 485 lettere di licenziamento.

L’Italia torna ad accogliere il treno di un eroe sconosciuto, quel ”Milite Ignoto” che riposa nell’Altare della Patria come simbolo di una generazione sacrificatasi nel primo conflitto mondiale. Il treno, arrivato al binario 1 della stazione Termini di Roma ha viaggiato da Aquileia fino alla Capitale, l’itinerario era stato compiuto 90 anni fa dalla salma del Milite. Alla solenne cerimonia, che ha ricordato il viaggio dell’eroe morto in guerra per la Patria, era presente il Capo dello Stato Giorgio Napolitano, il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Gianni Letta, il ministro della Difesa Ignazio La Russa, l’amministratore delegato delle Ferrovie dello Stato Mauro Moretti, il sindaco di Roma Gianni Alemanno, il presidente della Regione Lazio Renata Polverini e il presidente del Comitato per i 150 anni dell’Unità d’Italia Giuliano Amato. Assente il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, impegnato nel vertice sulla crisi economica a Palazzo Chigi.

Ad accogliere il treno del Milite Ignoto a Termini c’era anche Emanuele Filiberto di Savoia: “Credo che le celebrazioni per i 150 dell’Unitá d’Italia e il 90° anniversario del viaggio della salma del Milite Ignoto siano un bellissimo omaggio -ha affermato- che oggi il Presidente della Repubblica e le tante autorità presenti fanno ai caduti della I Guerra Mondiale”.  Il Presidente Napolitano ha scoperto una targa commemorativa per ricordare l’evento, poi ha visitato la mostra del Milite Ignoto allestita all’interno delle carrozze del Treno. Un momento commovente per il Capo dello Stato che ha voluto così rendere omaggio a tutti quei militari morti in guerra.

Non sono mancati però gli inconvenienti. Un gruppo di lavoratori dipendenti del Servirail Wagons-Lits ha portato sui binari vicini al convoglio storico striscioni e cartelli, per difendere il posto di lavoro messo a rischio da «485 lettere di licenziamento, a partire dal prossimo 11 dicembre». La protesta dei lavoratori addetti al servizio vagoni letto è durata pochi minuti, e fortunatamente senza incidenti.

Il “Viaggio dell’Eroe” ha attraversato l’Italia, toccando 15 città, così come avvenne 90 anni fa, il 26 ottobre 1921. Il treno rievocativo, trasformato in una mostra itinerante, resterà aperto al pubblico dal 3 al 6 novembre, presso il binario 21. L’orario di visita è dalle 9,30 alle 18,30. L’ingresso è gratuito. In mostra materiali originali dell’epoca, fra foto, documenti e filmati.

 

Alessia Ribezzi

 

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.