Rimpinguare le casse dei Comuni? Livorno sbarca su Ebay

Home»Magazine»Rimpinguare le casse dei Comuni? Livorno sbarca su Ebay

ROMA, 12 Aprile – Quando i beni incominciano ad essere logori ci si affida ad Ebay: è quello che accadrà al Comune di Livorno che deciso di mettere in vendita vecchi beni che l’Amministrazione non può più utilizzare: auto e moto, arredi, attrezzature per il lavoro. Dal 12 aprile sul sito del Comune sarà pubblicato un bando con l’elenco degli oggetti in vendita. E a martedì prossimo, 17 aprile, e per dieci giorni, sulla più famosa piattaforma di compravendite on line, chiunque potrà dare un’occhiata direttamente da casa propria agli oggetti custoditi nei magazzini comunali.

Il catalogo è molto variegato : si parte fa cose vetuste; 5 moto provenienti dalla Polizia Municipale (4 Bmw e 1 Aprilia), 10 auto (6 Panda, 1 Suzuki, 2 Fiorino, 1 Piaggio Porter); arredi da ufficio non più in linea con le normative per la sicurezza sul lavoro in vigore per la pubblica amministrazione ;arredi da bagno, scaffalature ; vecchi espositori per mostre; una macchina da cucire; vecchi tecnigrafi e banconi da falegname;  una bilancia, che proviene molto probabilmente dal mercato comunale e poi panche ; pedane; apparati scenici; casse per il trasporto di quadri. Ogni oggetto sarà venduto singolarmente, su una base d’asta compresa tra 0,99 centesimi e 200 Euro.

L’obiettivo deI Comune, per quanto inusuale per una Pubblica Amministrazione, oltre che trarre un piccolo guadagno dalla vendita, conta con questa “svendita” online, di liberare magazzini e soprattutto di promuovere lo sviluppo del GPP (Green Public Procurement) per la sostenibilità ambientale dei consumi della pubblica amministrazione, muovendosi pertanto verso la riduzione della quantità dei rifiuti in discarica, a favore dello sviluppo della filiera del riciclo.

Stefano Parisi

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.