In onore di Bongiorno ecco “Mike”, la bara con antifurto

Home»Magazine»In onore di Bongiorno ecco “Mike”, la bara con antifurto

ROMA, 24 Novembre –  Non c’è davvero limite al peggio, anche se stavolta la trovata potrebbe davvero tornare utile. Molti di noi assistono spesso ad atti di vandalismo anche all’interno di cimiteri, che spesso si tramutano in veri e propri furti al caro estinto. Portavasi di bronzo, rosari e gli stessi fiori sono diventati ormai preda di molti disperati che pur di alzare qualche spicciolo, compiono gesti irrispettosi verso i nostri defunti.

Per evitare tutto ciò arriva in nostro aiuto Mike, la bara con l’antifurto. Probabilmente ispirata a Mike Bongiorno, ricordiamo infatti che la sua salma era stata trafugata un anno fa dal cimitero di Arona, ma è un acronimo inglese per Monitoring Infringement Ksolutions Equipement. Questa piattaforma consentirebbe di poter rilevare in modo tempestivo tutti i tentativi di furti, tramite un continuo monitoraggio delle vibrazioni, che inviano subito un segnale alle forze dell’ordine. Questa la spiegazione del sistema da parte di Paolo Imeri, titolare di Art Funeral Italy di Caravaggio (Bergamo).

La bara sarebbe inoltre fornita di un sistema di ricetrasmissione capace di captare a distanza le comunicazioni che provengono da diversi punti di rilevazione. Oltretutto un sistema Gsm-Gprs è collegato alle forze dell’ordine, con comunicazione immediata se è in atto un tentato furto. Il “mirabile oggetto” è protagonista del Salone internazionale del lusso di Verona, da oggi.

Non c’è che dire che l’idea sia anche buona visti i recenti trascorsi in materia di furti nei cimiteri, sorge però spontaneo chiedersi se la prossima volta inventeranno anche un sistema per parlare con i defunti dell’aldilà.

Sabrina Spagnoli

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.