Viterbo: massacrato Ausonio Zappa, arrestati quattro romeni

Home»Lazio»Viterbo: massacrato Ausonio Zappa, arrestati quattro romeni

VITERBO, 29 Marzo – Il fondatore della Nuova Accademia di Belle Arti (NABA), di Milano Ausonio Zappa, è stato aggredito a colpi di sprangate e calci per aver dato l’allarme dopo essersi reso conto della presenza di alcuni rapinatori all’interno della sua villa nel Viterbese.

Zappa, 81 anni, è fondatore anche dell’Accademia di Viterbo e dell’Accademia Britannica di Roma, è in gravi condizioni ricoverato in ospedale nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale Belcolle di Viterbo, purtroppo in coma irreversibile. Gli aggressori di Zappa erano quattro romeni, di cui tre già pregiudicati. Sui Monti Cimini è accaduta la tragica vicenda, luogo in cui la polizia viterbese, dopo un’operazione lampo hanno arrestato i quattro malfamati e recuperato gli oggetti di valori rubati nella villa. Tra gli oggetti recuperati dalla polizia, sono stati sequestrati proiettori e computer appartenenti a scuole della zona che i quattro avevano in precedenza svaligiato.

I ragazzi arrestati hanno un’età compresa tra i 19 e i 25 e vivono a Viterbo già da tempo. All’uscita della caserma, mentre venivano portati in carcere, una flotta di cittadini li ha accolti con grida di rabbia e dispiacere. I quattro sono stati accusati di concorso in tentato omicidio e rapina. Colpirlo quasi mortalmente per cosa? Per un portafogli: “Aveva l’allarme e tutto, ma davanti a queste dinamiche c’è un senso d’impotenza. Con mio padre non ci ho parlato, è in coma. Un disastro per nulla, solo per rubare un portafoglio”, sono queste le parole del giornalista Gianluca Zappa figlio della vittima, al suo arrivo in caserma.

Valeria Racano

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.