Cadavere nel lago di Sabaudia: i carabinieri lanciano appello per l’identificazione

Home»Lazio»Latina»Cadavere nel lago di Sabaudia: i carabinieri lanciano appello per l’identificazione

ROMA, 15 MarzoSi infittisce la vicenda del cadavere trovato nel lago di Paola, a Sabaudia in provincia di Latina. Il corpo senza vita era stato notato dagli atleti del circolo dei  canottieri della Guardia di Finanza tre giorni fa, ma da allora i militari ancora non sono risaliti alla sua identificazione. Sul corpo non sono stati trovati documenti o qualcosa che potesse far risalire al nome dell’uomo e così i carabinieri hanno deciso di diffondere le foto per poter riuscire a capire l’identità del corpo. L’appello dei militari è rivolto a chiunque riconosca gli oggetti personali dell’uomo, probabile vittima di un omicidio. L’invito ai cittadini che abbiano informazioni utili è a contattare il comando provinciale al numero 0773-66566. Le foto che hanno diffuso i carabinieri ritraggono le scarpe, i pantaloni scuri e il maglione che indossava l’uomo con ancora l’etichetta. Sono state diffuse anche foto di un ciondolo e di un anello che indossava l’uomo, insieme ad un borsello nero.

I militari hanno chiesto aiuto ai cittadini per ricostruire l’accaduto, dopo aver analizzato migliaia di foto di persone scomparse dalla provincia di Latina e che non hanno portato ancora nessun indizio. Sul cadavere è stato trovato solo un grande foro dietro l’orecchio destro, probabilmente un colpo di pistola che ha trapassato il cranio da parte a parte. Intorno al collo e al torace è stato trovata una cintura con dei piombi, come quelle che usano i sub. Per questo, infatti, non è stata abbandonata l’ipotesi di omicidio, oltre alla prova della ferita. Quindi l’uomo sembra essere stato ucciso e poi gettato in acqua con i piombi per non farlo tornare a galla. I rilievi delle impronte digitali non hanno prodotto risultati, come pure le ricerche condotte dai carabinieri e delle unità cinofile sulle sponde del lago e le perlustrazioni dei fondali effettuati dai sub dell’Arma. L’identificazione dell’uomo resta il punto centrale dell’indagine.

Sabrina Bachini

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.