A Napoli la guerra dei becchini

Home»Italia»Cronaca»A Napoli la guerra dei becchini

NAPOLI, 30 LUGLIO Un imprenditore titolare di onoranze funebri per allontanare dal “suo territorio” un concorrente lo ha schiaffeggiato durante un funerale, ma è finito in manette. E’ successo a Quarto Flegreo, nel napoletano, dove i carabinieri di Pozzuoli insieme a colleghi della locale, hanno arrestato l’imprenditore Alfonso Cesarano, 51anni di Calvizzano, pregiudicato e titolare di agenzie di onoranze funebri a Napoli e provincia, e il suo complice,  Luigi Belviso, un pregiudicato di 33 anni.

È accaduto ieri intorno alle 15.00, quando, nel corso di un funerale nella chiesa del Divin Maestro, l’imprenditore, spalleggiato dal complice e da un’altra persona non ancora identificata, ha avvicinato il titolare 71enne di una ditta di onoranze funebri di Pozzuoli che si stava occupando delle esequie in svolgimento e lo ha preso a schiaffi davanti ai presenti intimandogli di non lavorare mai più a Quarto, con l’evidente finalità di accaparrarsi il monopolio nel settore.

L’aggredito si è recato nell’ospedale di Santa Maria Delle Grazie dove i medici hanno prestato le cure per “contusione facciali da percosse” guaribili in 5 giorni. Cesarano e Belviso sono poi stati individuati, bloccati in arresto dai carabinieri mentre si allontanavano su una Fiat Panda.

Valentina Ferrari

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.