Truffa ai danni dell’Inps: scoperti sei falsi ciechi a Torino

Home»Italia»Cronaca»Truffa ai danni dell’Inps: scoperti sei falsi ciechi a Torino

ROMA, 27 LUGLIO – Hanno procurato all’Inps un danno di 700mila euro. Ad ordire la truffa è stata una famiglia di falsi ciechi residente a Torino. Sorella, fratello, madre e zio ricevevano l’indennità dal 1982. Ma non sono stati gli unici “furbetti” ad essere scoperti dalla Guardia di Finanza. Altri due casi di falsi ciechi sono stati individuati sempre nel capoluogo piemontese.

Per la famiglia i sospetti sono scattati in seguito ad alcune indagini condotte su una donna, originaria di Latina ma residente a Moncalieri, nella provincia torinese. Percepiva mensilmente l’indennità di accompagnamento di 800 euro. Ad insospettire i finanzieri sono stati i diversi comportamenti che la donna assumeva sul posto di lavoro rispetto a quando lasciava il suo ufficio di centralinista di un Ente pubblico. Per strada la donna è stata filmata mentre ripiega il bastone per non vedenti e si muove con molta agilità tra i binari del tram e i marciapiedi. Ulteriori controlli hanno messo in luce che la donna non era l’unica componente della famiglia ad usufruire dell’indennità di accompagnamento.

Per quanto riguarda gli altri due casi, il primo è stato segnalato al 117 da un cittadino insospettito dai comportamenti di un uomo che oltre alla cecità simulava un handicap che lo costringeva alla sedia a rotelle. L’uomo è stato filmato mentre fa acquisti al mercato. Il secondo invece è un falso cieco residente a Torino che ha intascato 80mila euro in dieci anni. Per tutti loro è scattata la denuncia per truffa aggravata e continuata ai danni dell’Inps. Inoltre è già stato eseguito un primo sequestro dei patrimoni del valore di 600mila euro. Nel caso risultino assunti nella graduatoria dei diversamente abili, a loro riservata, rischiano anche di perdere il posto di lavoro.

Federica Sterza

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.