Bologna: maxi sequestro di germogli di soia

Home»Italia»Cronaca»Bologna: maxi sequestro di germogli di soia

BOLOGNA, 12 LUGLIO – Oltre due tonnellate di soia, prodotto tipico dell’alimentazione cinese, sono stati sequestrati in una operazione condotta dai Nas dei carabinieri di Bologna in collaborazione con l’Arma Territoriale.

I Carabinieri hanno infatti individuato al piano terra di un condominio, il laboratorio abusivo di circa 250 mq, costituito da locali fatiscenti, notevolmente sporchi, umidi e privi di luce naturale, dove erano state allestite una serra, utilizzata per la coltivazione di germogli di soia ad uso alimentare, una cella frigorifera per lo stoccaggio del prodotto pronto per la distribuzione, peraltro custodito in sacchetti di polietilene non per alimenti (del tipo utilizzato per la spesa), ed un ambiente dove veniva conservata la materia prima, costituita da semi di soia di origine cinese e canadese.

L’attività, condotta da cittadini cinesi, è risultata priva di autorizzazione e sconosciuta anche al fisco. L’intervento dei militari ha consentito di porre sotto sequestro sanitario circa due tonnellate tra semi e soia germogliata nelle varie fasi di sviluppo, pronta per il consumo. Il prodotto, privo di rintracciabilità e di ignota provenienza, era destinato a negozi e a ristoranti etnici, presso i quali veniva trasportato senza alcuna documentazione fiscale di vendita ed utilizzando mezzi privati inidonei. L’ufficio comunale ha emesso un’ordinanza che dispone l’immediata sospensione dell’attività illecita, lo smantellamento della serra e la distruzione dei prodotti alimentari sequestrati. Al titolare dell’attività sono state inoltre contestate sanzioni amministrative per un ammontare di tremila euro.

Valentina Ferrari

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.