Blitz contro gli anarchici, 10 arresti per attentati

Home»Italia»Cronaca»Blitz contro gli anarchici, 10 arresti per attentati

ROMA, 13 Giugno – Maxi operazione dei Ros, con dieci arresti, contro appartenenti alla Federazione anarchica informale (Fai) e al Fronte rivoluzionario internazionale (Fri). I dieci arrestati sono accusati dell’articolo 270 bis del codice penale, di terrorismo con finalità internazionali. Le accuse riguardano: gli attentati del 2009 alla Bocconi, al Cie di Gradisca d’Isonzo, al dg di Equitalia a Roma, la Deutsche Bank di Francoforte e l’Ambasciata greca di Parigi nel 2011. Otto delle ordinanze di custodia cautelare in carcere sono state notificate in Italia, due all’estero.

Un genovese di 22 anni, di origini siciliane, è stato arrestato all’alba a Genova nell’ambito delle indagini sul Fai che ha rivendicato l’attentato del 7 maggio al dirigente Ansaldo Nucleare Roberto Adinolfi. Altre quattro persone, due uomini e due donne di giovane età, risultano indagate. Dovranno rispondere di associazione a delinquere finalizzata a scopi eversivi.

Tra gli arrestati ci sono anche Sergio Maria Stefani e Alessandro Settepani, già arrestati nel 2009 con l’accusa di associazione sovversiva perché, secondo l’accusa, progettavano di sabotare la linea ferroviaria Orte-Ancona. Insieme ad altri giovani sono imputati nel processo scaturito da questa indagine. A coordinarla era stato lo stesso Pm, Manuela Comodi, che ha diretto l’indagine culminata con gli arresti di stamane.

Le ordinanze di custodia cautelare in carcere sono state emesse dal gip del Tribunale di Perugia, su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti dei maggiori esponenti dell’organizzazione terroristica che aveva effettuato i più recenti attentati con ordigni esplosivi in Italia ed all’estero. Nel corso dell’operazione, denominata Ardire, sono state  effettuate oltre 40 perquisizioni in tutto il territorio italiano, nei  confronti di ulteriori 24 indagati. Raggiunti dal provvedimento anche   due anarchici detenuti in Svizzera e Germania che, con i complici   liberi in Italia, avevano progettato le campagne terroristiche   dettandone tempi, obiettivi, documenti e sigle di rivendicazione.

Valentina Ferrari

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.