Il Cavallino Rampante per il terremoto dell’Emilia

Home»Italia»Cronaca»Il Cavallino Rampante per il terremoto dell’Emilia

ROMA, 1 Giugno – Degna di lode è l’iniziativa presa dalla casa Ferrari di mettere in vendita alcune suoi “pezzi unici e di grande valore” per raccogliere fondi destinati ai familiari delle vittime del sisma che ha coinvolto l’Emilia negli ultimi giorni. Si tratta di un’asta online di scala mondiale, nell’ambito della quale è messa in vendita anche un pezzo come la 599XX Evo, una berlinetta sportiva estrema del valore di 1,3 milioni di euro.

Il comunicato diffuso dalla casa di Maranello attraverso la propria pagina web ha anticipato che la prossima settimana, in seguito alla messa a punto di aspetti tecnici e procedurali, sarà presentata sul sito ww.ferraristore.com “un’ampia sezione destinata a questa importante iniziativa”. Il comunicato rende altresì noto che oltre alla 599 è stato messo in vendita un motore V8 di una Ferrari della Formula 1, nonché alcuni caschi e delle tute da gara appartenute a Fernando Alonso e Felipe Massa. Saranno infine messi all’asta anche alcuni oggetti del Ferrari Store come gli orologi da polso del Cavallino Rampante.

Com’è noto, non è la prima volta che la casa Ferrari si prodighi nelle donazioni destinate a popolazioni interessate da catastrofi naturali, basti ricordare tra le varie iniziative l’intervento a favore della ricostruzione dopo il terremoto dell’Aquila e recentemente quello a favore dei due edifici dopo scuola di Ishinomaki, in Giappone, a cui sono stati devoluti ben 80 milioni di yen.

Maranello ha spiegato che la decisione di questa iniziativa è stata fortemente voluta da “clienti e collezionisti Ferrari da tutto il mondo” che dopo aver appreso la notizia del grave sisma “si sono immediatamente messi in contatto con Maranello per offrire spontaneamente il proprio contributo. Ancora una volta la generosità degli appassionati della Casa di Maranello permetterà di raccogliere significative risorse da destinare a chi più è stato colpito da eventi tragici”.

Vincenza Accardi

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.