Melania Rea: nuovo prelievo del dna per i macedoni, altri sopralluoghi

Home»Italia»Cronaca»Melania Rea: nuovo prelievo del dna per i macedoni, altri sopralluoghi

ROMA, 30 MaggioSono di nuovo tutti presenti in aula, al Tribunale di Teramo, puntuali alle dieci, per l’inizio della nuova udienza del processo Melania Rea, che vede come unico imputato il marito, il caporalmaggiore dell’esercito Salvatore Parolisi. L’uomo ricordiamo, è accusato dell’omicidio di Melania avvenuto il 18 aprile del 2011alle Casermette di Civitella in provincia di Teramo.

Come era stato previsto, nella scorsa udienza, il gip di Teramo Marina Tommolini, ha disposto un nuovo prelievo del Dna per i tre macedoni, padre e due figli che quel giorno stavano lavorando nelle vicinanze di Colle San Marco, luogo dal quale Melania si sarebbe allontanata, e da li perse tutte le sue tracce. I tre macedoni, inizialmente sospettati del crimine, sono stati convocati sempre dal gip Tommolini, riascoltati nuovamente anche dallo stesso Parolisi presente in aula.

La difesa del caporalmaggiore ha appunto richiesto un nuovo prelievo di saliva dai tre, un’ulteriore prova ai fini del processo. I macedoni si erano già presentati spontaneamente una volta, alla caserma dei carabinieri di Ascoli Piceno sempre per le stesse analisi del dna. Il giudice ha posto loro diverse domande durante l’udienza, il perché della loro presenza a Colle San Marco il giorno della scomparsa della giovane Melania, e la conoscenza del territorio.

Dopo circa un’ora di confronto con il giudice in Tribunale, il padre con i due figli hanno lasciato l’aula, ma senza rilasciare alcuna dichiarazione alla stampa. Subito dopo l’uscita dei tre, la parola è passata ad un conduttore di cani molecolari, proprietario del cane che condusse gli investigatori al cantiere dei macedoni. La testimonianza è stata infatti richiesta dalla procura come controprova alle testimonianze portate in aula dalla difesa di Parolisi.

Comparirà un nuovo teste nell’ambito dell’inchiesta, durante il primo pomeriggio di oggi, davanti al gip Marina Tommolini. Si tratta di un uomo, pensionato di 78 anni residente a Colle San Marco (Ascoli Piceno), il luogo dove si sarebbe vista per l’ultima volta Melania Rea, prima di essere uccisa. I periti della Procura hanno ottenuto un nuovo sopralluogo accompagnati dagli investigatori, sia nella zona di Colle San Marco, sia a Ripe di Civitella che avverrà il prossimo primo giugno.

Martina Tirico

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.