Palermo: uccisa nel suo negozio con una forbice conficcata nella gola

Home»Italia»Cronaca»Palermo: uccisa nel suo negozio con una forbice conficcata nella gola

PALERMO, 1 Maggio – Un macabro delitto ha avuto luogo ieri mattina nel centro di Palermo. Una donna di 65 anni, Antonietta Giarrusso, divorziata, è stata assassinata con un coltello e una forbice nel suo stesso negozio, “Ninni manifatture per parrucche”, in via Dante. Sulla vicenda sta indagando la polizia, con la coordinazione del sostituto procuratore Gaetano Paci. Sebbene nessuna ipotesi sia stata esclusa, gli investigatori sarebbero più orientati verso una vendetta personale che una rapina, dal momento che l’aggressore non ha toccato i mille euro trovati nella cassa.

Per il medico legale l’omicidio sarebbe accaduto tra le 11 e mezzogiorno. Secondo una prima ricostruzione, l’assassino avrebbe colpito almeno 7 volte la donna che, a giudicare dalle ferite riscontrate sull’avambraccio, avrebbe tentato di difendersi dalla furia dell’aggressore alzando il gomito. Nella violenta colluttazione, il manico del coltello deve essersi spezzato, così l’assassino avrebbe impugnato delle forbici, probabilmente trovate nel negozio, e gliele avrebbe conficcate nella gola. Infine si è allontanato, chiudendo a chiave la porta del negozio e stando attento a portare con sé il manico del coltello. A dare l’allarme è stato il compagno novantenne della vittima, che si era recato al negozio a cercarla perché non rispondeva al telefono. Preoccupatosi davanti alla porta chiusa, ha chiamato un fabbro per forzare la serratura e, una volta dentro, ha trovato il corpo nel retrobottega. L’ultimo ad averla vista in vita è stato l’ex portiere dello stabile vicino.

Martina Bezzini

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.