Operazione “Califfo”: arrestato il boss Francesco Pesce, incastrato dal Superenalotto

Home»Italia»Cronaca»Operazione “Califfo”: arrestato il boss Francesco Pesce, incastrato dal Superenalotto

REGGIO CALABRIA, 18 AprileIl boss del Clan di Rosarno, Francesco Pesce,35 anni,  è stato incastrato dalla sua passione per il gioco del Super Enalotto. Viveva in un bunker all’interno di un deposito giudiziale di auto. Nonostante la latitanza, continuava però a giocare.

Il boss, detto “U Testuni”, infatti fu ripreso dai Ros e dai carabinieri del comando provinciale di Reggio Calabria mentre consegnava ai suoi complici le schedine. Finiti in manette anche altri sette componenti della cosca Pesce, responsabili a vario titolo di trasferimento fraudolento e possesso ingiustificato di valori con l’aggravante mafiosa. Secondo le indagini e le intercettazioni dell’operazione “Califfo”, Francesco Pesce nonostante sia molto giovane, detiene un vasto potere. Lo zio Peppino è ritenuto capostipite della ‘ndrangheta rosarnese.

Michele De Bellis

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.