Bimbo in coma per cerotto antidolorifico messo per sbaglio dalla nonna

Home»Italia»Cronaca»Bimbo in coma per cerotto antidolorifico messo per sbaglio dalla nonna

TORINO, 17 Aprile – Un bambino di tre anni e mezzo di Ciriè, in provincia di Torino, si è sentito male a causa di un cerotto antidolorifico che la nonna 80enne gli aveva applicato per sbaglio. Chiamato subito il 118, il piccolo è stato prima trasportato in gravi condizioni all’ospedale di Ciriè, per poi essere trasferito all’ospedale infantile Regina Margherita di Torino, dove si trova ora ricoverato in stato di coma nel reparto di rianimazione. Secondo quanto accertato dai medici, il bimbo sarebbe andato in overdose da stupefacenti: il cerotto antidolorifico, infatti, contiene oppiacei, che possono provocare effetti devastanti per un soggetto di così tenera età.

I carabinieri hanno trasmesso gli atti alla Procura della Repubblica del capoluogo piemontese, tuttavia non è stato preso alcun provvedimento nei confronti della nonna del piccolo dal momento che si sarebbe trattato di un fatto accidentale. La signora, infatti, ha riferito di aver scambiato il cerotto antidolorifico per uno normale e di averlo applicato sul piede destro del nipotino, la scorsa sera, per alleviare il dolore di cui si lamentava. Non si esclude, comunque, che il bambino si sia appiccicato addosso per gioco altri di quei medicamenti, le cui tracce rano presenti in altre parti del corpo. In particolare, i medici dell’ospedale di Ciriè avevano trovato sullo sterno dei frammenti dello stesso tipo di cerotto in questione, probabilmente il Matrifen 50, contenente il principio attivo del fentanil, un oppiaceo utilizzato per lenire i dolori e che necessita di prescrizione medica.

Martina Bezzini

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.