Bologna: morto sull’autostrada a ucciderlo il fanale di un camion

Home»Italia»Cronaca»Bologna: morto sull’autostrada a ucciderlo il fanale di un camion

BOLOGNA, 15 Aprile – Un pezzo di ferro si stacca da un automezzo pesante, sfonda il parabrezza di una macchina uccide un 31enne mantovano. È accaduto sull’A14 nei pressi del casello di San Lazzaro di Savena (Bologna) in direzione nord all’altezza del chilometro 24, la vittima si chiamava Ronny Cicola. All’arrivo della polizia stradale sul posto, l’auto della vittima era sulla corsia di emergenza, il parabrezza era sfondato, l’uomo colpito al volto. Secondo una prima ricostruzione di investigatori ed inquirenti il mezzo sarebbe stato colpito da un pezzo di ferro probabilmente dopo essersi staccato da un mezzo pesante. L’oggetto ha distrutto il vetro anteriore dell’auto per poi colpire al volto il guidatore che ha perso il controllo della vettura.

Sul posto è intervenuto il personale sanitario del 118. Il 32enne è stato trasportato all’ospedale Maggiore di Bologna con l’elisoccorso ma è deceduto poco dopo l’arrivo. La Procura di Bologna ha aperto un’inchiesta per chiarire la dinamica del tragico incidente. Il fascicolo, contro ignoti, è stato aperto con l’ipotesi di reato di omicidio colposo anche per permettere ai parenti della vittima di nominare i loro consulenti per l’autopsia. “È un fatto terribile – ha detto il procuratore aggiunto Valter Giovannini – se qualcuno ha visto qualcosa, per favore, si metta in contatto con la polizia”. L’ipotesi che ci siano dei testimoni non è da escludere dato che il tratto autostradale dove è successo il fatto è abbastanza trafficato.

La vittima era un biologo all’ospedale Sant’Orsola di Bologna. Il giovane, che risiedeva a Formigosa, frazione di Mantova, come ogni fine settimana stava tornando nella città di origine per far visita ai genitori e alla sorella.

Valentina Ferrari

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.