Strage di Piazza della Loggia: tutti gli imputati assolti. 38 anni in cerca di giustizia

Home»Italia»Cronaca»Strage di Piazza della Loggia: tutti gli imputati assolti. 38 anni in cerca di giustizia

BRESCIA, 14 AprileLa Corte d’assise d’appello di Brescia ha assolto Carlo Maria Maggi, Delfo Zorzi, Maurizio Tramonte e il generale dei carabinieri Francesco Delfino nel IV processo per la strage di Piazza della Loggia, avvenuta nel 1974, in cui morirono otto persone. In primo grado, il 16 novembre 2010, i quattro erano stati assolti con formula dubitativa. Nei confronti del quinto imputato del processo di primo grado, Pino Rauti, anch’egli assolto, non era stato presentato ricorso da parte della Procura ma solamente da due parti civili.

I giudici hanno dichiarato inammissibile il ricorso in appello proposto dalle parti civili Camera del Lavoro di Brescia e di Elvezio Natali, un familiare di una delle vittime della strage, nei confronti di Pino Rauti e ha posto il pagamento delle spese processuali a carico delle parti civili appellanti, come previsto dalla legge.  Le motivazioni saranno depositate tra 90 giorni. Enzo Platè, Presidente della Corte d’Assise d’Appello, prima di leggere la sentenza, ha ringraziato i giudici popolari per l’impegno e la dedizione che hanno impiegato per tutta la durata del processo.

Il Procuratore Roberto Di Martino e il pm Francesco Piantoni, titolari dell’inchiesta, si sono detti sereni perché è stato fatto tutto il possibile, anche perché ormai è una vicenda che è stata affidata alla storia più che alla giustizia.  La Procura attenderà il deposito delle motivazioni per decidere se ricorrere in Cassazione. Ma le parti civili della sentenza sono rimaste amareggiate. La lettura della sentenza ha raggelato i parenti delle vittime presenti in aula, che l’hanno accolta attoniti, incapaci di pronunciare una parola. Parole affidate al presidente dell’Associazione famigliari delle vittime, Manlio Milani, che non ha nascosto l’amarezza sia per l’esito del processo sia per la condanna delle parti civili appellanti al pagamento delle spese processuali.

Sabrina Bachini

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.