Rapinatore sbatte sulla porta della farmacia e fugge per la vergogna

Home»Italia»Cronaca»Rapinatore sbatte sulla porta della farmacia e fugge per la vergogna

MILANO, 14 Aprile – Furti e rapine in tempo di crisi diventano una costante giornaliera e molti si improvvisano abili maestri del furto, nonostante i frutti non siano poi dei migliori. È quello che è accaduto ad un uomo che ce l’ha messa davvero tutta per perpetrare la sua impresa ma ha fallito miseramente nel modo più comico possibile.

L’uomo coperto da un passamontagna e un cappellino con visiera aveva tentato di mettere a segno la rapina presso una farmacia di Via Matteo Civitali, a sud di Milano, nella giornata di ieri attorno alle 18.30. Dopo una promettente rincorsa, volta probabilmente a conferire un effetto sorpresa alla sua entrata, il “povero” ladro si è scontrato contro la porta scorrevole dell’esercizio cadendo penosamente a terra. Tanta la vergogna per il malcapitato che ha pensato bene di darsi alla fuga visto l’evidente fallimento. E pensare che il farmacista ha sottolineato che bastava suonare il campanello per avere accesso al negozio. La porta infatti non si apre automaticamente ma viene aperta dall’interno una volta che i clienti hanno suonato il campanello per accedervi. In seguito il farmacista ha descritto alla polizia che si trattava di un giovane alto circa 1,65 m che indossava un giubbotto scuro.

Eh si che quando ci si mette di mezzo la sfortuna c’è poco da fare, ed è pur vero che in tempi come questi la disperazione porta a compiere atti poco ortodossi, ma è pur sempre meglio affrontare le situazioni in maniera onesta piuttosto che darsi ad azioni malavitose, mantenendo dunque la propria dignità ed evitando – come in questo caso – figure magre.

Sabrina Spagnoli

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.