Neonati bulgari venduti a coppie sterili nel casertano

Home»Italia»Cronaca»Neonati bulgari venduti a coppie sterili nel casertano

ROMA, 5 AprileL’indagine dei Carabinieri di Mondragone era partita ad agosto 2009, grazie ad alcune intercettazioni telefoniche. Il bliz ha permesso l’arresto di tre persone con l’accusa di associazione a delinquere finalizzata all’alterazione dello stato civile di due neonati. I neonati bulgari venivano venduti nel casertano a coppie sterili che desideravano avere dei figli.

I piccoli venivano ceduti in cambio di somme di denaro che arrivavano fino a 20 mila euro. L’organizzazione era composta da una coppia di bulgari ed un italiano. I due stranieri avevano il compito di selezionare nel loro paese le giovani madri che entravano in Italia per poter partorire. L’italiano si occupava, di reperire le coppie alle quali affidare i neonati e di assisterle nelle pratiche di riconoscimento. I piccoli nascevano tutti in una clinica o un ospedale della zona, e un subito dopo, si presentavano alcuni uomini per il riconoscimento, registrando cosi i bambini all’anagrafe.

Ad oggi sono state accertate dai Carabinieri di Mondragone coordinati dalla Procura della Repubblica presso il tribunale di Santa Maria Capua Vetere, solamente due “cessioni”. I Carabinieri hanno provveduto a denunciare anche due genitori che, secondo gli investigatori avrebbero falsamente riconosciuto i due neonati. Oggi, presso la Procura della Repubblica, si terrà una conferenza stampa con i risultati dell’operazione e l’illustrazione di un filmato.

Martina Tirico

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.