Tragedia a Napoli: 93enne uccisa in casa per rapina

Home»Italia»Cronaca»Tragedia a Napoli: 93enne uccisa in casa per rapina

NAPOLI, 29 MarzoVincenza Sarnachiaro, una donna di 93 anni, è stata uccisa nella propria abitazione in via San Giuseppe dei Nudi, nel centro storico di Napoli. I vicini di casa hanno avvertito la polizia perché  sospettavano che in casa della vittima stesse per avvenire un furto. Arrivati in casa della donna, gli agenti hanno trovato la vittima distesa sul letto della sua abitazione con un cuscino sul volto e ormai senza vita. La casa è stata trovata completamente messa a soqquadro.

La donna viveva da sola in un piccolo appartamento al civico 61, in una strada del centro storico a poca distanza dal Museo nazionale. La donna, ex insegnante, era conosciuta da tutto il vicinato e sapevano tutti le sue abitudini. Il corpo senza vita è stato trovato dal nipote di 60 anni questa mattina, che si era recato a casa dell’anziana donna per una visita periodica, verso le 10 di questa mattina. La morte della donna, però, potrebbe anche risalire alla serata di ieri o al tardo pomeriggio.

Sulla vicenda hanno indagato in un primo momento gli agenti del commissariato Dante, coordinati dal vice questore Raffaele Pelliccia, i quali hanno creduto ad un omicidio effettuato con il metodo del soffocamento a seguito di una rapina in casa. Nel frattempo sono intervenuti anche gli specialisti della polizia scientifica, guidati dalla dirigente Fabiola Mancone e gli uomini della squadra mobile con il dirigente Andrea Curtale. Al momento è stato accertato un particolare importante, e cioè che pochi giorni fa all’anziana donna le era stata cambiata la serratura della porta d’ingresso di casa. Da qui, infatti, sono scattate le indagini.

Il nipote questa mattina avrebbe trovato il portoncino aperto dal quale poi si accede unicamente alla scala che accede direttamente alla porta di casa della vittima. L’uomo, meravigliato, è entrato ed ha trovato anche la porta aperta e dei visibili segni di effrazione. L’anziana signora, che non si è mai sposata e che ha dedicato l’intera vita all’insegnamento (infatti era maestra elementare), oltre alla pensione aveva anche una passione: dar da mangiare ogni mattina a dei piccioni che ogni mattina si appostano sotto il balconcino dell’abitazione. Gli agenti della polizia scientifica effettueranno delle ricerche più specifiche per stabilire anche l’ora della morte.

Sabrina Bachini

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.