Duplice omicidio a Barletta: una donna e la sua badante uccise in casa

Home»Italia»Cronaca»Duplice omicidio a Barletta: una donna e la sua badante uccise in casa

BARI, 16 Marzo – Sarebbero state uccise durante un violento litigio con una terza persona, molto probabilmente soffocate, le due donne trovate morte in un appartamento a Barletta nel primo pomeriggio di ieri. Le vittime sono la proprietaria della casa, Maria Diviccaro, di 62 anni, e una donna che le teneva compagnia Maria Strafile, di 65, anche lei di Barletta. A dare l’allarme ai carabinieri sono stati, alcuni vicini di casa, allarmati per le grida sentite poco prima provenire dall’abitazione.

Sul corpo di una delle due vittime, quello di Maria Strafile, ci sono alcune ferite che potrebbero essere state provocate nel tentativo di difesa durante una colluttazione. La donna andava in casa di Maria Diviccaro ogni giorno, dalle 8 alle 12. Quando i cadaveri sono stati ritrovati la badante indossava il cappotto, quindi, il duplice omicidio sarebbe avvenuto nella tarda mattinata. Intorno alle 9, tra l’altro, il figlio di Maria Strafile avrebbe sentito la madre per telefono, poi l’avrebbe chiamata nuovamente intorno alle 13, ma il telefono della donna ha squillato invano. Sul posto sono intervenuti gli operatori del 118 che non hanno potuto far altro che constatare il decesso e i carabinieri.

I carabinieri in serata hanno interrogato il fratello di Maria Diviccaro con il quale la donna aveva spesso diverbi legati a questioni di denaro.  Interessi, sembra, legati ad appartamenti e terreni di cui i due fratelli erano proprietari. A quanto si è saputo, la camera da letto dell’appartamento è stata messa completamente sottosopra forse l’assassino ha voluto depistare gli investigatori simulando una rapina. Le due vittime sicuramente conoscevano chi le ha uccise poiché non ci sono segni di forzature sulla porta dell’abitazione. Sul posto, oltre agli investigatori e agli esperti della scientifica, sono giunti il sostituto procuratore della Repubblica del Tribunale di Trani, Luigì Scimè, e il pm di turno della procura di Trani, Mirella Conticelli.

Valentina Ferrari

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.