Martina Franca: bambini maltrattati in una scuola materna, sospese due maestre

Home»Italia»Cronaca»Martina Franca: bambini maltrattati in una scuola materna, sospese due maestre

BARI, 15 Marzo – Due maestre di una scuola materna di Martina Franca, nel tarantino, sono state sospese su ordinanza del gip di Taranto Patrizia Todisco per presunti maltrattamenti sui bambini. Le indagini, condotte dalla polizia, sono scattate dopo la denuncia di una madre di uno dei bimbi che frequentavano l’asilo. Secondo quanto riferito dalla donna il bambino da qualche tempo non andava piu’ volentieri a scuola perché’ diceva di prendere le botte. Secondo gli accertamenti degli investigatori, che hanno ascoltato i bambini in ambienti protetti, in almeno tre casi i piccoli, di età compresa tra i tre e i cinque anni, sarebbero stati schiaffeggiati solo per aver buttato a terra dei giochi. In uno dei casi accertati dagli investigatori, una maestra avrebbe colpito uno dei bambini alla testa con un secchio. In un altro episodio invece un bambino ha riferito di essere stato sgridato dalle maestre perché’ era mancino.

A carico delle due maestre ora potrebbe scattare il reato di abuso dei mezzi di correzione e disciplina. Sulla vicenda è intervenuto l’Osservatorio sui Diritti dei Minori che da anni ”chiede a gran voce che gli insegnanti siano assoggettati a periodici controlli di tenuta psicoemotiva e la nostra proposta – afferma il vice presidente dell’Osservatorio, avv. Antonino Napoli – viene sistematicamente bollata dai benpensanti di turno come provocatoria e offensiva, quando invece si tratta di un’opportunità per ridimensionare il reiterarsi di episodi di sopraffazione a scuola nei confronti dei bambini, che ormai ha raggiunto vette considerevoli”. ”La nostra proposta – spiega Napoli – non intende minimamente gettare fango sulla nobile categoria dei docenti, composta nella stragrande maggioranza da professionisti seri ed impeccabili, bensì eliminare dal corpo docente le mele marce. Vessare i bambini significa soffrire di frustrazioni e la scuola non è certamente il luogo più adatto per scaricare le tensioni”.

Valentina Ferrari

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.