Oggi a Gattinara l’addio a Franco Lamolinara, l’ingegnere ucciso in Nigeria

Home»Italia»Cronaca»Oggi a Gattinara l’addio a Franco Lamolinara, l’ingegnere ucciso in Nigeria

VERCELLI, 11 MarzoQuesta notte intorno alle 2 è arrivata a Gattinara, in provincia di Vercelli, la salma dell’ingegnere Franco Lamolinara, sequestrato in Nigeria il 12 maggio del 2011 ed ucciso giovedì scorso dagli stessi rapitori, il gruppo fondamentalista del Boko Haram. Trasportata in Municipio da amici e parenti, la salma è stata vegliata per tutta la notte. Nel pomeriggio è previsto anche l’arrivo del Premier Monti, che si recherà a rendere omaggio a Franco. I funerali saranno celebrati domani.

Intanto la polemica sulla morte dell’ingegnere italiano non cessa. Lamolinara, infatti, sarebbe stato ucciso, insieme al collega Cristopher McManus, durante un blitz organizzato dalle teste di cuoio britanniche. La tragedia è accaduta a Sokoto, non lontano da dove, quasi un anno fa, i due ostaggi furono rapiti. Secondo quanto apparso sul Times, l’esecuzione sarebbe avvenuta già prima che i militari e gli agenti dei servizi segreti riuscissero ad entrare nell’abitazione dove Lamolinara e McManus erano detenuti. Tuttavia Palazzo Chigi fa notare che l’Italia non era stato preventivamente informata del blitz. L’operazione “è stata avviata autonomamente dalle autorità nigeriane con il sostegno britannico, informandone le autorità italiane solo ad operazione avviata”. Così cita una nota della presidenza del consiglio. Ci sono ancora molte lacune nella ricostruzione delle azioni militari britannico-nigeriane. C’è chi ha formulato l’ipotesi che i due ostaggi fossero stati uccisi da fuoco amico, ma tale possibilità è stata esclusa dall’autopsia che ha confermato invece che trattasi di proiettili esplosi a distanza ravvicinata. In più dopo l’arresto i terroristi hanno confermato e ammesso le loro responsabilità.

Nonostante ciò il Copasir vuole vederci chiaro sulla vicenda, è prevista per domani l’udienza dei servizi segreti, nella quale sarà ascoltato il direttore dell’ Aise, Adriano Santini. Intanto si attendono da Londra ulteriori chiarimenti sull’operazione, che sino ad ora non ha convinto il Governo Italiano.

Antonia Silvestro

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.