Omicidio Crespi: tre arresti ad Albano Laziale

Home»Italia»Cronaca»Omicidio Crespi: tre arresti ad Albano Laziale

ALBANO LAZIALE, 8 Marzo – Tre sono stati gli arresti ad Albano Laziale, in provincia di Roma, messi in atto contro altrettanti pluripregiudicati ritenuti responsabili in concorso tra loro dell’omicidio di Giorgio Crespi, veliterno di 56 anni ucciso nel 2010. L’accusa è di omicidio preterintenzionale. I fatti risalgono al 29 ottobre di due anni fa: Crespi venne trasportato durante la notte presso il Pronto Soccorso dell’Ospedale San Giuseppe di Albano in pessime condizioni. L’uomo aveva il cranio sfondato e la persona, ignota, che lo accompagnava si era allontanata con un diversivo dall’ospedale. Dopo un mese, Crespi è morto presso l’Ospedale di Tor Vergata. Stando alle analisi e agli esami svolti, le lesioni subite dal 56enne erano state provocate da una aggressione.

Gli investigatori del Commissariato di Albano, coadiuvati dalla procura della Repubblica di Velletri, hanno iniziato così ad indagare i trascorsi giudiziari della vittima, gli spostamenti precedenti l’aggressione e òe sue frequentazioni. Durante le indagini, durate due anni, alcuni testimoni hanno cercato di fuorviarle, ipotizzando che la morte dell’uomo sia sopraggiunta dopo un infortunio sul lavoro, senza, però, dichiarare dove questo lavoro si svolgesse. Gli investigatori, attraverso perquisizioni e intercettazioni, sono arrivati ai tre uomini arrestati, un 51enne e un 40enne di Velletri e un romano di 29 anni, scoprendo che erano legati tra loro da una specifica dimestichezza di furti ai danni di casseforti attraverso una miscela di gas. In questo ambito sarebbe sorta l’aggressione che ha portato alla morte, non voluta, di Crespi. Venerdì scorso i tre uomini sono stati condotti al carcere di Velletri dove restano a disposizione della Magistratura.

Augusto D’Amante

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.