Perugia: difende la fidanzata durante una rapina, ucciso Luca Rosi

Home»Italia»Cronaca»Perugia: difende la fidanzata durante una rapina, ucciso Luca Rosi

ROMA, 4 Marzo – Un uomo di 38 anni è stato ucciso con quattro colpi di pistola mentre cercava di difendere la fidanzata, durante una rapina in casa dei suoi genitori. I tre malviventi gli hanno sparato dopo un suo tentativo di reagire, e sono scappati.

L’omicidio è avvenuto venerdì sera verso le 22:30 durante una rapina in una villa a Ramazzano, alla periferia di Perugia. A cadere vittima dei delinquenti è stato il figlio dei proprietari dell’abitazione, Luca Rosi, impiegato di 38 anni di una banca, che si trovava lì con la fidanzata, la madre e il figlio della sorella. I tre rapinatori, dopo essere entrati sfondando una finestra, avrebbero legato tutti i presenti e iniziato a mettere a soqquadro la casa in cerca di una soddisfacente refurtiva. Poi avrebbero minacciato di far del male alla fidanzata di Rosi, che temendo potesse subire una violenza, ha inizialmente pregato i malviventi dicendo loro “Avete preso tutto, lasciatela stare”, per poi scagliarsi contro uno di loro seppur legato. A quel punto i banditi avrebbero aperto il fuoco, colpendo l’uomo prima ad una gamba e successivamente sparandogli tre colpi al torace, per poi fuggire a bordo dell’auto della famiglia, ritrovata il giorno seguente poco distante dall’abitazione.

L’allarme ai Carabinieri è arrivato intorno alla mezzanotte quando la madre di Rosi ha avvertito il marito che si trovava in un bar vicino casa, raggiungendolo a piedi con le mani ancora legate. Le forze dell’ordine hanno immediatamente perlustrato la zona in cerca dei tre malviventi, presumibilmente stranieri con accento dell’est, che hanno agito a volto coperto. Nella villetta sono invece in corso i rilievi del Ris di Roma che ha già repertato i bossoli dei proiettili, mentre l’autopsia sull’uomo morto verrà effettuata lunedì dalla dottoressa Anna Maria Verdelli, che ha già effettuato una prima ricognizione cadaverica sul posto in nottata.

Chiara Cavaterra

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.